Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
vitivinicoltura

Vendemmia, Chiarli si prepara al record

L'azienda vinicola modenese, grazie all'andamento climatico particolarmente favorevole, prevede un'annata di ottima qualità

vignetiInverno mite, primavera piovosa ed estate soleggiata: sono questi gli ingredienti vincenti che anche quest'anno dovrebbero garantire all'azienda vinicola Chiarli 1860 un'ottima vendemmia.

Il 2010, infatti, a livello meteorologico è stato un anno molto positivo per le coltivazioni di vigneti che hanno subito, solo in minima parte, danni per grandine o malattie.

Sebbene la maturazione dei grappoli sia in leggero ritardo (7-10 giorni oltre il previsto) le uve sono sane e se il clima delle prossime settimane resterà favorevole si prevede una buona vendemmia sia per la quantità che per la qualità del vino.

In particolare, fa sapere l'azienda agricola modenese, l'annata di quest'anno si caratterizzerà per l'elevata acidità delle uve, ideale per produrre ottimi vini frizzanti e spumanti.

Fondata nel 1860 da Cleto Chiarli, la Chiarli 1860 è la più antica azienda vinicola dell'Emilia e la prima azienda privata italiana produttrice di vino emiliano, leader nei tre tipi di Lambrusco Doc di Modena.

L'azienda dispone di sette tenute agricole per un totale complessivo di più di 420 ettari di proprietà dei quali circa 140 coltivati a vigneto e di due cantine dedicate alla produzione dei marchi vinicoli dell'azienda, Cleto Chiarli e Chiarli 1860.

L'azienda è da sempre gestita dalla famiglia Chiarli giunta oggi alla quarta generazione con i fratelli Anselmo e Mauro.

(15 settembre 2010)
Argomenti: Agroalimentare