Confindustria Modena
Finanza
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
credito

Unicredit completa la rete commerciale di Modena

Giuseppe Zanardi sarà alla guida dell'area di Modena e Filippo Avellino a capo di quella di Carpi

Giuseppe ZanardiUnicredit ha completato anche a Modena la riorganizzazione della sua rete commerciale che sarà operativa dal prossimo gennaio 2013 e che prevede l'integrazione delle reti Famiglie & PMI e Corporate Banking in Italia.

Saranno due i direttori dell'area commerciale che guideranno le attività della banca a Modena, e che risponderanno al regional manager Giampiero Bergami: Giuseppe Zanardi dirigerà l'area di Modena, definita "Area Top" in quanto si contraddistingue per dimensioni, numero di risorse e numero di clienti gestiti, mentre Filippo Avellino sarà a capo dell'area di Carpi.

Filippo AvellinoUnicredit considera il nuovo assetto della rete commerciale, così ridefinito, in grado di garantire una migliore capacità di risposta ai bisogni dei clienti attraverso un'organizzazione più semplice, processi decisionali più snelli e maggiore efficacia operativa.

Le due aree commerciali gestiranno una rete di punti vendita specializzati: quindici distretti per le famiglie e le piccole imprese (che coordineranno un totale di 85 sportelli) e quattro centri corporate per le medie e grandi imprese. La nuova struttura prevede inoltre il decentramento a livello locale di strutture operative come Crediti, Organizzazione, Risorse umane e Controlli interni, al fine di garantire la massima efficacia e rapidità decisionale sui territori.

«Abbiamo completato il processo di riorganizzazione della nostra rete commerciale in Italia, in un’ottica di semplificazione e di maggiore aderenza alle esigenze della clientela e dei territori», ha dichiarato Gabriele Piccini, country chairman Italia di UniCredit, «i referenti della banca per i clienti resteranno inalterati, ma cambierà l'assetto: a Modena saranno due le aree commerciali che garantiranno maggiore rapidità nei processi grazie a una catena decisionale più corta».

(03 ottobre 2012)
Argomenti: Credito, Terziario