Confindustria Modena
Estero
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il convegno

Tutelare la proprietà intellettuale in Cina

Confindustria Modena ha organizzato con il responsabile dell'Ipr Desk di Pechino Giovanni de Sanctis un seminario per illustrare il sistema cinese di protezione dei diritti di proprietà intellettuale

Dal mese di luglio 2010 è attivo a Pechino l'Ipr Desk, uno sportello sulla proprietà intellettuale istituito dal ministero della Sviluppo economico con l'obiettivo di fornire gratuitamente alle aziende italiane servizi di orientamento sul sistema cinese di protezione dei diritti di proprietà intellettuale: registrazione di marchi, brevettazione, diritti d’autore e la tutela dell’immagine aziendale e del prodotto.

Per focalizzare l'attenzione su questi temi e al fine di fornire strumenti pratici per la protezione degli asset intangibili delle aziende interessate al mercato cinese, Confindustria Modena ha organizzato un seminario con il responsabile dell'Ipr Desk Giovanni de Sanctis. L'appuntamento ha registrato un'ottima adesione da parte delle imprese.

«L'imprenditore che voglia fare business in Cina», ha sottolineato de Sanctis, «deve essere oculato nel gestire correttamente gli aspetti legati ai diritti di proprietà intellettuale, come normalmente considera ogni altro aspetto dell’attività aziendale, tecnico, fiscale o legale. Inoltre, per le piccole e medie imprese il sistema che regola i diritti di proprietà intellettuale deve essere il primo aspetto a cui fare fronte».

In Cina la legislazione sulla proprietà intellettuale è molto più vicina a quella italiana ed europea di quanto sia comunemente ritenuto. Talvolta, le procedure possono apparire difficoltose da applicare e le relative tempistiche possono risultare lunghe, ma conviene fare della pazienza una delle armi migliori.

«La fiducia degli operatori cinesi verso gli strumenti di tutela della proprietà intellettuale», ha rimarcato il responsabile Ipr Desk, «cresce velocemente e i numeri dei depositi di domande di brevetti e marchi lo dimostrano senza alcun dubbio. L’ingresso della Cina nell’Organizzazione Mondiale del Commercio, della quale è divenuta membro l’11 dicembre 2001, ha fatto registrare un'impennata di registrazioni».

(10 ottobre 2011)