Confindustria Modena
Finanza
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
credito

Trenta milioni di euro per rilanciare le imprese

Rinnovato l’accordo di collaborazione tra Confidustria Modena e Bper

Potranno usufruire di questa convenzione le Pmi ma anche le grandi imprese che fanno parte del sistema associativo di Confindustria Modena. Le operazioni previste spaziano dal rafforzamento patrimoniale dell’azienda al sostegno degli investimenti, dai mutui con fondi Bei Pietro Ferrariai progetti di internazionalizzazione con garanzia Sace fino al 70 per cento fino a operazioni di leasing immobiliare e strumentale.

Alle imprese verrà offerto anche Finpreshipment, il nuovo prodotto destinato a sostenere il fabbisogno finanziario delle imprese nella fase di avvio della realizzazione di una commessa acquisita da un committente estero.

Vengono finanziati l’approntamento di beni e servizi e l’esecuzione di lavori. La banca si impegna a effettuare l’istruttoria delle pratiche entro 20 giorni lavorativi dalla ricezione della documentazione completa da parte dell'azienda associata a Confindustria Modena. «Abbiamo rinnovato la convenzione con questo importante istituto di credito del nostro territorio per cercare di soddisfare le esigenze di finanziamento delle nostre imprese associate», ha dichiarato Pietro Ferrari, presidente dell'associazione di via Bellinzona. «Dell’accordo sottoscritto, che va ad ampliare la precedente gamma dei prodotti, apprezziamo il fatto che la banca valuterà le richieste di credito in 20 giorni lavorativi. Per le imprese, finalmente, questo significa avere una risposta certa in un tempo ragionevole».

Luigi OdoriciSoddisfazione è stata espressa anche dal vicedirettore generale di Bper Luigi Odorici: «Il rinnovo dell’accordo, curato dalla nostra divisione Corporate, è l’ulteriore conferma di una solida collaborazione con gli industriali modenesi che è ormai nella storia della nostra banca e di questo territorio. Bper ribadisce la centralità delle relazioni con il tessuto imprenditoriale di una delle aree più dinamiche d'Europa. Abbiamo migliorato i contenuti dell’accordo per poter lavorare ancora di più e ancora meglio al fianco delle imprese e supportarle nei processi di una ripresa che ci auguriamo possa consolidarsi e rilanciare la nostra economia locale».

(12 aprile 2011)
Argomenti: Credito