Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
la classifica

I magnifici della piastrella

Le aziende modenesi ai primi posti dell'elenco delle imprese ceramiche per fatturato

Marazzi si conferma anche nel 2008 in vetta alla classifica dei maggiori produttori italiani di piastrelle. Il gruppo di Filippo Marazzi, che può contare unità produttive in Italia, Spagna, Francia, Usa e Russia, ha archiviato lo scorso anno con un fatturato vicino al miliardo di euro (976,8 milioni), mantenendosi sui livelli raggiunti nel 2007.

Al secondo posto, il Gruppo Concorde, anch’esso stabile sui livelli 2007, ovvero intorno ai 651 milioni di euro.

Sul gradino più basso del podio si conferma il Gruppo Cooperativa Ceramica d’Imola (370,6 milioni, -3,6 per cento sul 2007), seguito dal Gruppo Florim (330,6 milioni, -3,7 per cento sul 2007) e, al quinto posto, da Panariagroup con 328 milioni di euro (-7,4 per cento rispetto al 2007).

Si apre così la classifica sui fatturati dei maggiori gruppi ceramici italiani pubblicata ogni anno da Tile Italia.

Scorrendo l’elenco, al sesto posto si posiziona la Casalgrande Padana del presidente di Confindustria Ceramica Franco Manfredini, che, unica tra le prime dieci aziende in graduatoria, mantiene un fatturato 2008 in lieve crescita: 295,9 milioni contro i 294 dell’esercizio precedente.

I “magnifici dieci” si completano con il Gruppo Iris, il cui dato di fatturato risale però al 2007 (267,9 milioni con lo scorporo di Granitifiandre), seguito da Ceramiche Ricchetti (241 milioni il consolidato 2008 equivalente al -11 per cento sul 2007), Granitifiandre che, nel 2008, raggiunge un fatturato di 219,4 milioni (-4,3 per cento sull’esercizio precedente) e Gruppo Emilceramica (190 milioni il consolidato 2008, -9,7 per cento rispetto al 2007).

Oltre le prime dieci posizioni, le tre performance migliori risultano essere quelle di Gold Art, Gardenia Orchidea e Abk. Il Gruppo Gold Art chiude il 2008 con una crescita del 13,7 per cento raggiungendo i 90,5 milioni di euro di fatturato. Un risultato ottenuto per circa la metà (45 per cento) sul mercato italiano e volto a soddisfare una domanda dedicata alla cantieristica, ma in grado di soddisfare, con i grandi formati, anche le richieste di gamma medio-alta provenienti dal settore residenziale. Seguono Gardenia Orchidea con un incremento del +4,8 per cento (83,2 milioni di euro) e Abk Group +2,8 per cento (105,1 milioni di euro).

(06 luglio 2009)
Argomenti: Ceramico