Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
innovazione

Premio Start Cup, Modena si allea con Bologna

L'Università di Modena e Reggio Emilia si unisce all'ateneo bolognese e al programma Spinner 2013 per valorizzare le migliori idee d'impresa

La Start Cup dell'Università di Modena e Reggio Emilia, l'iniziativa che valorizza le migliori idee d'impresa innovative locali, si unisce quest'anno all'ateneo di Bologna e al programma Spinner 2013 per dare vita a una competizione unica in Italia che comprende tutto il territorio dell'Emilia-Romagna. 

La Start Cup di Modena e Reggio Emilia ha contato negli anni 2008 e 2009 l'iscrizione di 22 progetti, 66 partecipanti ai team d'impresa e 17 business plan consegnati. La metà dei progetti sono arrivati da imprese di origine accademica appartenenti per lo più ai settori Ict, elettronica, biotech e farmaceutico; è il caso degli spin-off universitari Datariver, Rigenerand, Pincel, Chem4, Star, Embit, Vision-e, Tydockpharma, Spin-A, Starterello e Astra Research.

«L'importanza di nuove imprese come fonte di crescita e di innovazione», spiega Tiziano Bursi, professore all'Università di Modena e responsabile delle passate edizioni della Start Cup locale, «esce rafforzata dalle recenti rivoluzioni dello scenario economico internazionale. Ciò vale anche per il tessuto economico-produttivo regionale che, pur dimostrando capacità di tenuta nel fronteggiare fenomeni di natura congiunturale avversa, deve trovare nuovi sentieri di sviluppo e intraprendere nuovi percorsi tecnologici».

Quattro i mesi di studio, lavoro e progettazione che si concluderanno a ottobre con una premiazione: 5.000 euro a fondo perduto in palio per il vincitore, un anno di servizi di incubazione gratuiti offerti da AlmaCube a Bologna e per i primi tre classificati la possibilità di vincere i 100 mila euro messi in palio dal Premio nazionale per l'innovazione, la gara a cui accedono le idee di impresa premiate a livello locale, prevista per dicembre a Palermo; sono questi i numeri della prima edizione di Start Cup-Spinner 2013.

«Incentivare e promuovere la nascita di spin-off e di start up innovative», spiega Paolo Bonaretti, presidente di Spinner 2013, «è una scelta decisiva per lo sviluppo del sistema regionale perché, oltre a tradurre in prodotti spendibili sul mercato i risultati della ricerca universitaria, si introducono nel tessuto produttivo nuovi soggetti che possono disseminare innovazione anche tra le imprese tradizionali, proponendosi come partner e fornitori».

(28 giugno 2010)