Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
mirandola

Sorin, prima pietra per il magazzino

Nei prossimi tre anni l'azienda biomedicale leader del settore cardio-polmonare investirà 30 milioni di euro

Un momento della cerimonia per la posa della "prima pietra"Il nuovo deposito fa parte di un progetto molto più ampio che nel giro di tre anni porterà l'azienda a investire 30 milioni di euro. «Mirandola», ha ricordato il presidente della Business Unit Cardiopulmonary di Sorin Michel Paul Darnaud, «resta un polo cruciale e molto attraente per il biomedicale».

Il piano di investimento varato dall'azienda include la ristrutturazione di un altro magazzino per la sterilizzazione dei prodotti e la sperimentazione di nuovi prodotti cardiopolmonari (il core business di Sorin che detiene il 40 per cento di questo mercato).

«Come amministratori locali», ha sottolineato il sindaco Maino Benatti, «siamo orgogliosi della qualità del lavoro svolto. I nostri uffici tecnici hanno lavorato bene e senza dispersione di tempo garantendo a Sorin risposte certe in tempi ragionevoli».

Soddisfazione è stata espressa anche da Arturo Zaccarelli, il titolare di Acea Costruzioni che realizzerà l'opera, e dal direttore di Confindustria Modena Giovanni Messori che ha rimarcato come questo investimento sia «un segnale importantissimo per tutti gli imprenditori modenesi. Sorin è la dimostrazione palese di come investendo grandi risorse nell'innovazione di processo e di prodotto si possa vincere la crisi e rilanciare un distretto».

Sorin Group Italia ha chiuso il 2010 con 240 milioni di euro di fatturato (al 68 per cento la quota export). Nella cittadina dei Pico, l'azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di prodotti biomedicali per la circolazione extracorporea e il trattamento del sangue occupa oltre 800 dipendenti.

(24 giugno 2011)