Confindustria Modena
Estero
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
Terremoto

Solidarietà dei senatori francesi

Gli onorevoli del Gruppo di amicizia Italia-Francia hanno espresso la vicinanza del Senato francese ai modenesi colpiti dal terremoto

Solidarietà per il terribile disastro causato dal terremoto del 20 e 29 maggio e attenzione al lungo e faticoso lavoro di ricostruzione del territorio e dell'economia. Sono i due elementi centrali dell'incontro avvenuto nei giorni scorsi tra una delegazione di senatori della Repubblica francese, appartenenti al Gruppo di amicizia Italia-Francia, e il direttore di Confindustria Modena Giovanni Messori.

La delegazione francese era guidata da François Zocchetto, senatore della Mayenne, presidente del gruppo Unione centrista e repubblicana e anche presidente del Gruppo d'amicizia Italia-Francia. Ne facevano parte, inoltre, Jean-Marc Todeschini, senatore della Moselle e questore del Senato; Pierre-Yves Collombat, senatore del Var; Catherine Morin-Desailly, senatrice della Seine-Maritime; Jean-Pierre Vial, senatore della Savoie.

L'incontro è stato chiesto dai cinque senatori, attraverso il Consolato di Milano, per il grande interesse che il Gruppo di amicizia Italia-Francia ha dimostrato per i gravi danni subiti dall'Emilia-Romagna, e in particolare dalla provincia di Modena, a causa del terremoto dello scorso maggio. Il direttore di Confindustria Modena ha illustrato agli  onorevoli francesi la situazione post-terremoto e gli sforzi che le imprese della zona stanno portando avanti ormai da cinque mesi per tornare alla normalità.

La delegazione francese nei giorni scorsi ha incontrato anche il sottosegretario alla presidenza della Regione Emilia-Romagna che ha espresso riconoscenza per  il sostegno  francese alle popolazioni emiliano-romagnole. La regione dei Paesi della Loira ha donato 50.000 euro per aiutare i territori colpiti dal sisma, in particolare per contribuire alla ricostruzione delle scuole danneggiate, e la regione Aquitania si è proposta per il restauro completo del teatro di Pieve di Cento.

(05 ottobre 2012)