Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
la visita

Sergio Mattarella al tecnopolo di Mirandola

Nella sua mattinata mirandolese il Capo dello Stato si è intrattenuto anche nel nuovo centro per la ricerca e l'innovazione costruito dopo il sisma


Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in visita ufficiale e Mirandola nel quinto anniversario del terremoto del 2012, non ha mancato di visitare le strutture del Tecnopolo, il centro per la ricerca e l’innovazione collocato proprio a ridosso del nuovo polo scolastico. Mattarella è stato accolto all’ingresso dal presidente di Fondazione Democenter, Erio Luigi Munari e dall’assessore regionale all’istruzione Patrizio Bianchi. Una volta all’interno, è stato Aldo Tomasi, direttore scientifico del tecnopolo, a illustrare al presidente della Repubblica le caratteristiche e le finalità dei laboratori.

Il presidente ha chiesto informazioni sulla genesi del Tecnopolo, sulle macchine e sulle attività che ne fanno uno dei centri all’avanguardia nella ricerca nel nostro Paese, sull’interattività con le altre strutture dell’area. Il presidente di Democenter Munari, la vicepresidente Giuliana Gavioli e il direttore Piergabriele Andreoli, infine, hanno consegnato a Mattarella un omaggio che rappresenta tradizione e futuro della nostra terra: una confezione di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena con all’interno anche il nuovo pennino per le decorazioni realizzato in stampa tridimensionale.

Il presidente della Repubblica ha concluso la sua visita accettando di buon grado di posare per una foto di gruppo: presente il personale al completo e con la partecipazione anche del presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, del presidente della Provincia Giancarlo Muzzarelli, del sindaco di Mirandola Maino Benatti e, graditissimo ospite aggiunto, del professore Romano Prodi.

(01 giugno 2017)
Argomenti: Cultura, Terremoto