Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
Terremoto

Scatti d'autore per il sisma dell'Emilia

Pubblicato da Franco Cosimo Panini il volume "Interno perduto. L'immanenza del terremoto". Quaranta fotografie di Giovanni Chiaramonte

L'occhio dell'artista sugli effetti del terremoto che ha colpito l'Emilia nel Maggio del 2012: questo è il senso del volume "Interno perduto. L'immanenza del terremoto", pubblicato da Franco Cosimo Panini Editore che per ogni copia venduta verserà venti euro per il recupero e il restauro del Crocefisso del Duomo di Mirandola.

Il lavoro di Giovanni Chiaramonte, uno dei massimi fotografi italiani di paesaggio e architettura, è un omaggio insieme artistico e solidale a una terra che aveva cominciato a conoscere ed amare, a metà degli anni Settanta.

L'opera raccoglie 40 fotografie a colori realizzate fra le macerie della Bassa Modenese pochi giorni dopo la scossa del 29 maggio e già oggetto di un'apprezzata mostra a Potsdam, in Germania.

Ogni immagine del libro è commentata da Arturo Carlo Quintavalle, che nell’introduzione illustra e spiega ai lettori lo sguardo rivolto da Chiaramonte ai suoi soggetti e le scelte di inquadratura e ripresa. Altri testi, firmati da Nina Bassoli, Annegret Brug e Pierluigi Nicolin affrontano le questioni legate al paesaggio, al restauro e alla gestione del patrimonio architettonico nel post terremoto.

"Interno perduto. L'immanenza del terremoto" (128 pagine, 30 euro) è in vendita in tutte le librerie. Il volume funge anche da catalogo della mostra di Chiaramonte "L’immanenza del terremoto" in programma presso l'Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti di Modena (Corso Vittorio Emanuele, 59) fino al 14 ottobre.

(09 ottobre 2012)