Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
ict

Satcom-Acantho, fusione completata

Le due aziende di telecomunicazioni, partecipate da Hera, hanno concluso il progetto d’integrazione. Gestiranno una rete in fibra ottica di oltre 2600 chilometri cablati

Un momento del meeting con cui si è sancita l'integrazione tra Satcome AcanthoLinee di prodotti ancora più complete e innovative, innalzamento dei servizi, maggiore competitività economica. Sono questi alcuni dei numerosi benefici offerti ai clienti grazie al completamento del progetto d'integrazione di Satcom, operatore di telecomunicazioni da dieci anni presente nel distretto ceramico modenese, in Acantho.

La due aziende, partecipate dal Gruppo Hera, hanno infatti deciso, su mandato dei rispettivi e comuni soci di riferimento, di unire le due strutture. In questo modo si è voluto rispondere innanzitutto a quei criteri di territorialità, qualità e innovazione che sono comuni a entrambe le realtà.

Scopo dell'operazione, che ha dato vita a una realtà capace di gestire un'ampia rete in fibra ottica in tutta la regione (oltre 2.600 chilometri cablati), è stato unire le risorse tecnico-commerciali, le competenze e le infrastrutture tecnologiche che costituiscono il patrimonio delle due aziende, arricchendo così i servizi offerti per rispondere ancora meglio alle esigenze dei clienti.

L'integrazione tra Satcom ed Acantho rappresenta l'opportunità strategica, per la nuova realtà, di rafforzare la propria capillare presenza sul territorio, ampliare il bacino d'utenza, presidiare un mercato che è in continua crescita e rafforzare la propria posizione di leadership nei servizi di accesso voce, dati, data center e sicurezza.

I clienti potranno contare sulla garanzie di continuità nel rapporto commerciale e nell'assistenza, poiché sono state mantenute le sedi operative. A Sassuolo il presidio territoriale continua a essere in via Brigata Folgore 26. Invariato anche il numero verde: 800-895000, al quale è possibile rivolgersi dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 14.

(01 febbraio 2010)
Argomenti: Ict