Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
ambiente

Sassuolo, secondo ecodistretto d'Italia

È quanto emerge dal quinto rapporto Ecodistretti 2009, realizzato dalla Rete Cartesio con il coordinamento scientifico di Ambiente Italia

Sassuolo si colloca al secondo posto tra i distretti italiani con i migliori risultati in termini di sostenibilità ambientale. È quanto emerge dal quinto rapporto Ecodistretti 2009 (realizzato dalla Rete Cartesio con il coordinamento scientifico di Ambiente Italia), presentato recentemente presso la sede della Regione Lazio, all’interno di un workshop nel quale si è parlato del rilancio delle imprese e dei territori attraverso la competitività ambientale.

La nuova edizione del rapporto ha analizzato 54 distretti e sistemi produttivi locali italiani, rappresentativi di 14 regioni e 18 comparti industriali, stilando una classifica sulla base dei risultati ambientali e delle politiche di “cluster” che mettono in comune, in una area geografica ben definita, servizi, risorse, fornitori e competenze. Gli ambiti territoriali studiati sono caratterizzati da imprese di varie dimensioni, dalle grandi alle piccolissime aziende, strutturate in un modello organizzativo che punta su innovazione e qualità e che genera un elevato valore aggiunto.

Gli indicatori ambientali di riferimento sono stati le infrastrutture e i servizi per la gestione ambientale ed energetica, la diffusione delle tecnologie ambientali, le certificazioni, i marchi e le politiche di prodotto, i controlli, la conflittualità nel territorio e la promozione di strumenti di gestione ambientale.

Secondo i dati relativi al 2008, il distretto ceramico di Sassuolo, che si colloca alle spalle del distretto cartario toscano di Capannori e prima del distretto alimentare parmense di Langhirano, vanta dieci certificazioni Iso 14001 e sette certificazioni Emas, oltre all’ampia diffusione del marchio Ecolabel su oltre 70 prodotti ceramici.

La Rete Cartesio nasce su iniziativa delle Regioni Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana e Sardegna che, attraverso il protocollo d’intesa sottoscritto nel novembre 2007, hanno voluto promuovere un approccio territoriale nell’applicazione di politiche innovative per l’ambiente.

(22 giugno 2009)
Argomenti: Ceramico