Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
regione

Tecnopoli e Ict per innovare l'impresa

I fondi del Programma europeo puntano al rilancio dell'industria tramite la costruzione di undici poli di eccellenza e la crescita dell'information and communication technology

Duccio CampagnoliUndici tecnopoli e 56 laboratori di ricerca; 1.400 ricercatori di cui oltre 600 nuovi assunti; 120 milioni di euro a disposizione; 248 progetti approvati per la ricerca delle piccole e medie imprese e quasi 35 milioni di euro di finanziamento: sono queste le risorse per la ricerca industriale e trasferimento tecnologico previste dal Programma europeo (Por-Fesr) a sostegno dello sviluppo dell’Emilia-Romagna.

«L’Emilia-Romagna, anche grazie alle risorse europee», ha sottolineato l’assessore regionale alle Attività produttive Duccio Campagnoli, «è più che mai indirizzata verso l’innovazione e la ricerca applicata».

Tecnopoli
Sono state 25 le manifestazioni di interesse pervenute per la realizzazione degli undici tecnopoli in regione. Nei progetti sono coinvolte tutte le università e gli enti di ricerca con sede in Emilia-Romagna e i territori attraverso gli enti locali. Entro fine mese è in programma la firma dei primi accordi, mentre l’avvio degli investimenti partirà dal prossimo settembre. Tutte le intese saranno sottoscritte entro quest’anno.

Ict per le piccole imprese
Sono stati 704 i progetti presentati per il bando rivolto alle piccole imprese, 547 quelli approvati (il 78 per cento). Gli investimenti complessivi attivati sono 72 milioni di euro, per una spesa media ammessa per progetto di 133 mila euro. L’obiettivo è l’innovazione e lo sviluppo organizzativo da realizzarsi attraverso la trasmissione di conoscenze alle imprese con contratti di management esterno (temporary management) per la riorganizzazione dei processi e del personale, anche attraverso nuovi strumenti Ict e azioni di internazionalizzazione, cambiamento delle modalità di marketing e miglioramento continuo in ambito aziendale.

(13 luglio 2009)
Argomenti: Ict