Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il convegno

Responsabilità imprenditoriale per il bene comune

L'Unione cristiana imprenditori dirigenti dell'Emilia-Romagna e il Centro Cardinale Giuseppe Siri di Genova promuovono a Modena un seminario sul tema del «bene comune nello svolgimento delle attività aziendali»

Un'intera giornata di approfondimento dei temi legati alla costruzione del bene comune nello svolgimento delle attività aziendali e a indirizzare su questi valori le giovani generazioni, che avrà come relatori personalità di spicco della Chiesa, del mondo scientifico e di quello imprenditoriale regionale.

È quanto hanno organizzato le tre sezioni di Modena, Reggio Emilia, Parma e Fidenza dell'Ucid (Unione cristiana imprenditori dirigenti) per sabato 15 ottobre, con inizio alle ore 10, a Villa Cesi a Nonantola (Modena).

Il seminario che si svolgerà nell'arco della giornata è stato realizzato con la collaborazione del Centro Cardinale Giuseppe Siri di Genova e vedrà, dopo il saluto di monsignor Antonio Lanfranchi, arcivescovo di Modena-Nonantola, la partecipazione, tra gli altri, di Piergiorgio Marino, presidente del Centro Cardinale Giuseppe Siri, di Giorgio Donna, docente di Strategia e finanza presso l'Università Luiss di Roma, di Giovanni Lombardo, docente di Stakeholder engagement nella responsabilità sociale d'impresa presso l'Università di Genova, di Alberto Chiesi, presidente della Chiesi Farmaceutici di Parma, di Gianmaurizio Cazzarolli, responsabile risorse umane di Tetra Pak, di Claudio Galli, direttore risorse umane della Lombardini Motori di Reggio Emilia, e di Walter Sancassiani, del Club Responsabilità sociale di impresa di Modena.

Il Centro Cardinale Giuseppe Siri, creato dall'Ucid nazionale con l'Ucid Liguria, è un consorzio tra imprese che insieme all'Ucid si propone la finalità di accompagnare imprenditori e dirigenti a ricercare, sperimentare e perseguire la costruzione del bene comune nello svolgimento delle attività aziendali, e a formare su questi valori le giovani generazioni. Persegue queste finalità attraverso un "circolo virtuoso" tra mondo imprenditoriale e mondo scientifico, con il supporto anche finanziario di enti e imprese interessate ad affrontare le "nuove frontiere" della "Responsabilità imprenditoriale per il bene comune" (Ribc).

Il Centro si avvale inoltre dell'apporto di un comitato scientifico composto da illustri esponenti del panorama accademico nazionale. AI fine di diffondere la Ribc, il Centro Siri organizza tra l'altro dei corsi di formazione rivolti sia agli imprenditori/dirigenti sia ai giovani.

(12 ottobre 2011)
Argomenti: Cultura