Confindustria Modena
Estero
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
estero

Promec presenta il programma 2011

Un programma completo che utilizza non solo gli strumenti classici della promozione, quali le fiere e le missioni imprenditoriali, ma che punta molto anche sulla formazione e sull'assistenza specializzata

Il presidente di Promec Erio Luigi MunariPromec, la branca della Camera di Commercio di Modena che svolge attività promozionali a favore dell'internazionalizzazione, ha presentato il suo programma per l'anno 2011. All'incontro erano presenti, oltre alle associazioni di categoria e ai consorzi export, anche le banche, gli ordini professionali, l'Università, i Musei, i Comuni e la Provincia di Modena.

La riunione è stata un importante momento di dialogo e confronto tra le varie parti, e un'occasione per rimarcare, ancora una volta, il ruolo fondamentale di Promec nel promuovere le aziende e nel far conoscere il nostro territorio e le sue molteplici eccellenze all'estero.

Il programma di Promec è stato costruito partendo dalle richieste delle imprese e dai dati relativi al nostro export, principalmente orientato verso l'area Europa (Russia compresa), gli Stati Uniti, il Brasile, l'India, la Cina e gli Emirati Arabi Uniti. La sua pianificazione è stata attuata sul medio termine puntando ad azioni mirate e continuative, evitando iniziative a carattere sporadico.

Nello specifico il programma di Promec per il 2011 prevederà l'investimento di circa 3 milioni di euro per la promozione all'estero delle imprese delle nostra regione, grazie all'apporto dato da tutto il sistema camerale (50 per cento dalla Camera di Commercio, 25 per cento dal sistema regionale e 25 per cento dalle risorse private) saranno inoltre ottanta le iniziative previste e 20 i Paesi stranieri coinvolti, mentre 10 saranno i settori di intervento specifico (tra cui la meccanica, l'agroalimentare, la moda, il biomedicale e il turismo).

Le imprese potranno contare poi sul supporto di ben 27 uffici Promec sparsi in tutto il mondo. Forte attenzione è stata inoltre prestata per i nuovi mercati emergenti e per le diverse opportunità segnalate da gruppi significativi di imprese organizzate per filiera o per settore di attività; a questo scopo, nel mese di gennaio saranno lanciati, con la collaborazione delle associazioni, una serie di "atélier" coordinati da imprenditori con forte esperienza di export, ed affiancati dallo staff di Promec, per iniziare a realizzare progetti ad hoc che soddisfino le esigenze delle singole aziende coinvolte.

(20 dicembre 2010)