Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
sassuolo

Premio Lucchese, sabato le premiazioni

I premiati di quest’anno sono Raffaele Caterino, Lidia Lancellotti, Matteo Natale, Elena Vanessa Botan, Paolo Pugnaghi e Matteo Corradini

Istituito in memoria di Giovanni Lucchese, fondatore di Floor Gres e padre dell’attuale presidente di Florim Claudio Lucchese, il Premio consiste in alcune borse di studio destinate agli studenti dell’Istituto Tecnico Industriale Statale "Alessandro Volta" di Sassuolo che a conclusione dello scorso anno scolastico hanno conseguito il diploma di maturità con il massimo dei voti.

Quest’anno il Premio Lucchese ospita ancora una volta Leo Turrini, giornalista e scrittore. Turrini segue da anni la cronaca sportiva per molti quotidiani, è considerato uno dei maggiori esperti di Formula 1 e la sua attività si concentra anche su musica, cinema e costume. "Il coraggio di innovare-Cercando le radici del futuro" è il titolo della giornata e allo stesso tempo il racconto di una scommessa affascinante, imperniata sulle energie intellettuali.

Che cosa hanno in comune Juri Gagarin, Steve Jobs, Michael Jackson, Fernando Alonso e l’Italia dei 150 anni? Forse più di quanto si possa immaginare: perché il coraggio di innovare è un'esigenza condivisa dagli individui e dalle comunità, scavalca le epoche e supera le barriere generazionali e geografiche. Al concetto di innovazione, che è ricerca permanente di un futuro migliore, è quindi dedicata l’edizione 2011.

I premiati di quest’anno sono Raffaele Caterino (voto diploma 100 e lode, media 9,08), Lidia Lancellotti (voto diploma 100, media 9,08), Matteo Natale (voto diploma 100, media 8,92), Elena Vanessa Botan (voto diploma 100, media 8,83), Paolo Pugnaghi (voto diploma 100, media 8,82) e Matteo Corradini (voto diploma 100, media 8,58).

(27 aprile 2011)
Argomenti: Cultura