Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
assemblea generale 2011

Pietro Ferrari: «Alla politica locale spettano decisioni di alto profilo»

Il presidente degli industriali modenesi invita il mondo politico locale a un cambio di passo. «Torni a essere il luogo privilegiato del confronto e dell'elaborazione di decisioni di alto profilo»

Pietro Ferrari«Ai lavori degli Stati generali indetti dal Comune di Modena ho ascoltato le relazioni dei numerosi rappresentanti del mondo delle istituzioni e dell'economia», ha sottolineato Ferrari, «e non posso nascondere una certa delusione. Non è scaturita alcuna strategia che punti con progetti rilevanti alla modernizzazione del nostro territorio. Eppure Modena è la seconda provincia in Italia per vocazione industriale e se la gioca piuttosto bene nel contesto europeo». 

«Noi imprenditori abbiamo l'obbligo di intravedere soluzioni anche nei momenti più difficili delle nostre imprese. Ed è con la stessa fiducia che guardiamo a Modena e al suo territorio. Dobbiamo concentrarci su alcune priorità. In questi giorni, grazie anche al notevole lavoro e alla determinazione di Confindustria Modena, la Camera di Commercio ha deliberato investimenti significativi sia per il polo dell'Ict e della sicurezza informatica sia per dare finalmente avvio alla piattaforma logistica di Marzaglia».

«La nostra associazione parteciperà a entrambe le iniziative con un impegno economico di rilievo. Ma credo che tutto il territorio debba supportare questi progetti. E credo anche che Modena abbia tutte le carte in regola per giocare al meglio la partita della crescita. Ce la farà. Ma a condizione che gli uomini prescelti per proiettarla nel futuro siano competenti, capaci e coraggiosi».

  Il video dell'assemblea pubblica

La relazione del presidente Pietro Ferrari

(11 luglio 2011)
Argomenti: Confindustria