Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
festival filosofia

Mimmo Paladino torna a Modena

L'artista porta a Palazzo dei Musei i "Testimoni", installazione sponsorizzata da Confindustria Modena

A meno di due settimane dall’apertura, continuano i preparativi del festival Filosofia che, per il nono anno consecutivo, si svolgerà tra le città di Carpi, Modena e Sassuolo. Dal 18 al 20 settembre si susseguiranno oltre 50 lezioni magistrali affidate ai grandi del pensiero contemporaneo e circa 150 eventi che arricchiscono e completano gli appuntamenti con i filosofi.

Tra le mostre più attese quella di Mimmo Paladino, i "Testimoni", che sarà inaugurata alla presenza dell’artista venerdì 18 settembre alle 18, a Modena, presso il Palazzo dei Musei. L’installazione, fruibile per tutta la durata della kermesse dalle ore 7.30 alle 23, è completamente sponsorizzata da Confindustria Modena.

Paladino è ormai un nome molto conosciuto a Modena: il rivestimento della Ghirlandina è forse l’intervento più noto in città. Ma in realtà, le occasioni in cui Modena e Paladino si sono incrociati sono innumerevoli. Non è la prima volta che, ad esempio, l’artista beneventano espone all’interno della cornice del festival Filosofia. Nel 2006, presso il Palazzo dei Pio di Carpi, ha presentato “Pinocchio”; nel 2007 ha inaugurato una mostra alla Galleria Civica di Modena (“Mimmo Paladino per Modena) e una a Carpi, sempre nel Palazzo dei Pio (“Rabanus Maurus – De Universo”).

Mimmo Paladino è uno dei rappresentati più significativi della Transavanguardia, movimento teorizzato nel 1980 da Achille Bonito Oliva. Ha partecipato più volte alla Biennale di Venezia e nel 1994 è il primo artista contemporaneo italiano a tenere una mostra in Cina. Nel 1995 Napoli gli dedica una grande rassegna in tre spazi pubblici prestigiosi dove realizza la sua memorabile “Montagna del sale”.

A Londra nel 1999 realizza il grande ciclo dei “Dormienti”. Le sue opere sono collocate in permanenza in alcuni dei principali musei internazionali tra cui il Metropolitan Museum of Art di New York.

(07 settembre 2009)
Argomenti: Confindustria, Cultura