Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
terza edizione

Ottobre rosa, il mese della prevenzione

Ventinove appuntamenti in tutta la provincia. Le dipendenti di Cms, Poste Italiane, Bosch Rexroth Oil e Marazzi Group accoglieranno gli esperti Ausl. Confindustria Modena tra gli sponsor dell'intero evento

La sede di Cms a Marano si tinge di rosa

Dopo le positive esperienze dello scorso anno, aumenteranno in modo significativo gli incontri informativi organizzati presso le aziende e in collaborazione con le associazioni imprenditoriali. Cms, Poste Italiane, Bosch Rexroth Oil, Marazzi e Hera apriranno le porte agli esperti dell’Ausl che potranno così incontrare le dipendenti e sensibilizzarle sulla prevenzione dei tumori femminili.

Si parte lunedì 10 ottobre con Cms e si prosegue con Poste Italiane (martedì 11 ottobre) e con le altre aziende fino alla fine del mese. «Cms è da sempre sensibile al tema della salute sul posto di lavoro», afferma la vicepresidente Elena Salda, «e "Ottobre Rosa" rappresenta un momento importante di riflessione, formazione e informazione soprattutto per le donne che lavorano in azienda. Siamo convinti che porre attenzione sulla qualità della vita dei propri dipendenti sia un dovere, quindi in primo luogo è importante preservare la loro salute. Non solo mantenendo sempre alti i controlli sul luogo di lavoro, ma promuovendo anche la cultura della prevenzione. I risultati positivi si vedono: in Cms il tasso di assenza relativo al 2010 è parti al 4,7 per cento delle ore totali lavorabili, contro una media nazionale dell’8,3». 

All’incontro divulgativo di Poste Italiane sarà presente la dottoressa Raffaella Andresini del Programma di Screening per la prevenzione del tumore del collo dell’utero dell’Azienda Usl e Patrizia Zagnoli, direttrice provinciale di Poste Italiane. Alle circa 100 dipendenti di Poste che parteciperanno all'iniziativa verrà donato un piccolo vademecum sui corretti stili di vita.

«Desidero ringraziare pubblicamente Poste Italiane per la sensibilità e l’attenzione mostrata», sottolinea il direttore generale dell’Azienda Usl di Modena Giuseppe Caroli. «Si tratta di un’azienda in cui tradizionalmente la presenza femminile è molto rilevante. La collaborazione nell’ambito della prevenzione dei tumori femminili è stata "naturale". Colgo infine l’occasione per esprimere la mia personale gratitudine nei confronti del mondo dell’economia modenese per la risposta sempre più convinta che ha fornito ad Ottobre Rosa».

Lo sport è in prima linea grazie alla disponibilità, nel calcio, del Modena e del Sassuolo, nella pallavolo, di Casa Modena e Liu Jo e infine del Modena Rugby, che per l’occasione ha deciso di realizzare anche uno spot televisivo.

Per dialogare con le donne straniere anche al di fuori dei luoghi istituzionali sono poi previsti due appuntamenti nei mercati (il mercato del lunedì di Modena e quello dei Chioschi), luoghi dove la presenza di stranieri è particolarmente rilevante.

Decisamente significativo è anche il ruolo recitato dalla cultura. In particolare l’appuntamento clou è lo spettacolo "Donna non rieducabile" con l’attrice Ottavia Piccolo, una serie di letture della giornalista russa Anna Politkovskaja, che ha saputo raccontare in maniera indipendente la guerra in Cecenia, pagando con la propria vita. L'evento, che si terrà domenica 23 ottobre presso l'Auditorium Biagi alle ore 21, è organizzato con il contributo di Confindustria Modena.

Anche per la terza edizione si tornerà poi nelle sale cinematografiche; due in particolare gli appuntamenti il primo a Carpi, il 22, il secondo a Modena il 24, con la proiezione del film di Emanuela Pivato "Amorfù".

Tra le novità della terza edizione merita una sottolineatura la collaborazione con Medici Senza Frontiere. Due saranno gli appuntamenti promossi con la notissima associazione umanitaria. Una mostra fotografica presso l’Ospedale di Sassuolo dal titolo "Volti di donna" e la presentazione del libro "L’Altra faccia della terra" che si terrà a Vignola.

(07 ottobre 2011)
Argomenti: Confindustria, Cultura