Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
formula 1

Nuova Ferrari F10, obiettivo Mondiale

Svelata a Maranello la monoposto che tenterà di far dimenticare ai tifosi le delusioni del 2009. Il presidente Montezemolo: «Vogliamo tornare a essere vincenti»

La neve a Maranello ha fermato le prove in pista della F10, ma non la diretta web su Ferrari.com che, in alcuni momenti, per il considerevole numero di accessi è andata in tilt. Il nome della nuova monoposto riprende la tradizione legata all'anno del debutto in gara.

Il progetto, sigla interna 661, è l'interpretazione dei regolamenti dopo i chiarimenti forniti dalla Fia per quanto concerne il diffusore. Rispetto alla F60, la F10 è nata con l'obiettivo di massimizzare il rendimento aerodinamico del doppio diffusore. Gli attacchi del motore alla scocca sono stati modificati ed è stata rivista la forma della scatola del cambio e il disegno della sospensione posteriore. La parte anteriore è stata sensibilmente rialzata ed è scavata nella parte centrale, in modo da ottimizzare il flusso dell'aria.

Altra importante novità è l'abolizione del rifornimento e la conseguente necessità di un serbatoio capace di contenere la quantità di carburante per terminare la gara su ogni circuito. La lunghezza della vettura è aumentata per alloggiare il nuovo serbatoio ma anche per installare radiatori più lunghi e stretti.

La necessità di dover iniziare le gare con una vettura molto più pesante ha imposto una revisione dell'impianto frenante, in collaborazione con Brembo. Tra le altre novità tecniche, l'aumento del peso minimo a 620 chilogrammi e l'utilizzo di pneumatici anteriori più stretti.

Luca Cordero di Montezemolo«Siamo una squadra latina, che parla italiano, consapevole di rappresentare le eccellenze di uno straordinario Paese, cui riesce tutto quando ha lo spirito di squadra», ha detto il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo. «Vogliamo tornare a essere vincenti. Vogliamo tornare alla posizione che, sappiamo, deve essere della Ferrari. Nel nostro team lo spirito di squadra c'è, anche se è rinnovata perché un ciclo è finito e per fortuna è finito anche il 2009».

Ferrari.com parla giapponese
Dopo il lancio, lo scorso anno, della versione completamente rinnovata del sito in italiano e inglese, la Casa di Maranello si arricchisce di uno strumento dedicato a clienti, appassionati e fan del Paese del "Sol Levante": la possibilità di selezionare la lingua giapponese per navigare su Ferrari.com.

Il Giappone rappresenta uno dei paesi più importanti per la casa automobilistica di Maranello, che vi è presente dal 1965 e che, a oggi, conta la presenza di cinque dealership nelle città di Tokyo, Nagoya, Osaka, Hiroshima, e Fukuoka; un mercato, quello nipponico, che conta oltre 600 iscritti al Ferrari Owners Club e una vasta schiera di collezionisti.

Ad accompagnare il lancio del sito, un divertente video che, oltre a raccontarne le caratteristiche, porta il benvenuto e il saluto in giapponese dei dipendenti della Ferrari, insieme al presidente Luca Cordero di Montezemolo, all'amministratore delegato Amedeo Felisa e al direttore della Gestione sportiva Stefano Domenicali.

Ma le novità in casa Ferrari non finiscono qui: è prevista, a breve, anche la versione in cinese del sito Ferrari.com, a testimonianza del ruolo strategico che questo mercato avrà nei prossimi anni per la Ferrari.

(01 febbraio 2010)
Argomenti: Motorismo