Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
catalogo 2011

Nuova Didactica, oltre 80 proposte per le imprese

Formazione manageriale da una parte, Sicurezza e produzione dall'altra: è su questi due filoni che si innesta l'attività formativa della scuola di management di Confindustria Modena

Roberta Caprari, presidente di Nuova DidacticaFormazione manageriale da una parte, sicurezza e produzione dall'altra. È su questi due filoni che si innesta l'attività formativa di Nuova Didactica per il 2011. La scuola di management di Confindustria Modena, che opera da oltre 10 anni a supporto delle aziende del territorio, ha predisposto un'offerta ampia e diversificata, strutturata in due cataloghi (uno contiene 49 proposte, come detto, di Formazione manageriale, l'altro focalizza la propria attenzione sugli ambiti della Sicurezza e Produzione con 35 titoli).

Per venire incontro alle esigenze economiche delle imprese il catalogo 2011 contiene una guida all'utilizzo dei fondi interprofessionali ancora assai poco noti, benché il contributo delle imprese sia obbligatorio per legge e i fondi risultino oggi fondamentali per il rilancio del nostro sistema produttivo la cui qualità ed efficienza dipende essenzialmente dalla formazione e dalle competenze che possiedono i lavoratori.

Emanuela Pezzi, direttore di Nuova DidacticaLa prefazione del catalogo è firmata da Michele Tiraboschi, professore ordinario di Diritto del lavoro presso l'Università di Modena e Reggio Emilia e presidente di Adapt (Associazione italiana per gli studi internazionali e comparati in diritto del lavoro e relazioni industriali) oltre che direttore del Centro studi internazionali e comparati "Marco Biagi".

«La collaborazione con Michele Tiraboschi», osserva Emanuela Pezzi, direttrice di Nuova Didactica, «rappresenta un primo passo verso l'apertura del dialogo tra scuola, università, formazione professionale e amministrazioni locali. Costruire dei percorsi formativi coerenti con le esigenze delle imprese è fondamentale per garantire un efficiente incontro tra domanda e offerta di lavoro. La formazione ha successo nella misura in cui si parte dall'esigenza dei lavoratori».

A corollario delle celebrazioni del centenario di Confindustria il tema portante dell'offerta formativa per il 2011 è la cultura d'impresa, pensata come cultura a tutti i livelli, come patrimonio condiviso, occasione di opportunità e leva decisiva per affrontare insieme le più importanti sfide di oggi e di domani. Dunque il centenario non è pensato solo come momento di celebrazione, ma anche e soprattutto come occasione per riaffermare la sfida continua e quotidiana delle imprese, capaci di gestire il presente pensando contemporaneamente al futuro.

«Ci guardiamo alle spalle per riconoscere la nostra identità e i nostri valori e con responsabilità e fiducia, passando per il talento e l'esperienza di chi vive nelle aziende, lavoriamo per una maggiore efficienza organizzativa, maggiore produttività e maggior benessere» precisa la presidente della scuola Roberta Caprari.

Michele TiraboschiMichele Tiraboschi ha sottolineato lo stretto rapporto tra la formazione e la qualità del lavoro. Come affermato nell'accordo tra Governo, Regioni e parti sociali del 17 febbraio 2010, contenente le linee guida sulla formazione, «l'apprendimento in aula deve essere completato e integrato con una fase di formazione in azienda».

L'intera offerta formativa è consultabile sul sito www.nuovadidactica.it.

(10 dicembre 2010)