Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il convegno

Notariato e industria, nuove regole per l'economia

Si intitola "Oltre la crisi economica: l'importanza delle regole" la giornata nazionale di studi che si tiene martedì 17 novembre, a partire dalle 9.30, al Forum Monzani

Un’alleanza strategica tra industria e notariato per superare la crisi economica e rivalutare l'importanza delle regole. Questa la traccia del convegno "Oltre la crisi economica: l’importanza delle regole. La ricerca di equilibrio tra semplificazione e sicurezza", promosso da Confindustria Modena e dal Comitato regionale dei consigli notarili dell’Emilia-Romagna.

Il convegno, che si svolgerà martedì 17 novembre 2009 presso il Forum Monzani di Modena, costituisce il primo esempio operativo a livello nazionale della collaborazione tra gli industriali e i notai, ufficializzata poche settimane fa da un protocollo d’intesa siglato da Giuseppe Morandini, presidente della Piccola Industria di Confindustria, e Paolo Piccoli, presidente del Consiglio Nazionale del Notariato. Entrambi saranno presenti alla giornata di lavoro per presentare ufficialmente le linee guida dell’accordo.

A fare gli onori di casa saranno Pietro Ferrari, presidente di Confindustria Modena, Giorgio Cariani, presidente del Consiglio Notarile Modena, e Pierluigi Ferrari Trecate, presidente del Comitato Regionale Consigli Notarili Emilia-Romagna. In rappresentanza delle istituzioni interverrà Duccio Campagnoli, assessore alle Attività produttive della Regione Emilia-Romagna.

«Avere delle regole e perseguire la semplificazione non sono necessariamente due concetti in antitesi. Anzi, una regolamentazione efficace del sistema economico può svilupparsi tanto più efficacemente quanto più semplice è l'organizzazione delle regole stesse. La ricerca di un equilibrio tra semplificazione e regolamentazione è quindi un processo di fondamentale importanza che tutti siamo chiamati a perseguire», osserva Pietro Ferrari. «La Piccola industria di Confindustria e il Consiglio Nazionale del Notariato hanno già fatto un primo passo importante in tal senso, siglando un accordo che persegue proprio lo scopo di semplificare molti degli aspetti burocratici della vita delle pmi, rendendole in tal modo più competitive e avvicinandole alle grandi imprese, le quali possono generalmente avvalersi di strutture interne con competenze giuridiche più qualificate».

«La crisi economica ancora in atto», sottolineano i notai Cariani e Ferrari Trecate, «ha evidenziato che accanto alla necessità di semplificazione, avvertita dalla società e dalle imprese, le regole poste a tutela della sicurezza e della trasparenza del commercio giuridico e dei mercati conservano un imprescindibile valore. Il notariato italiano sente l'esigenza di mettersi in discussione e di rinnovarsi per concorrere alla realizzazione di un sistema capace di coniugare snellezza e semplificazione, con la sicurezza degli scambi e la difesa degli interessi deboli».

Tra gli imprenditori anche il presidente di Technogym Nerio Alessandri
In mattinata, dalle 9.30 alle 13.30, ci saranno gli interventi istituzionali. Nel pomeriggio, dalle 14.30 alle 18.30, si svilupperà il confronto fra imprenditori, notai, economisti, politici e giornalisti nell’ambito di una tavola rotonda. Sul tema del rapporto industria-notariato, interverranno i rappresentanti degli imprenditori: oltre a Giuseppe Morandini, anche Nerio Alessandri, presidente Technogym e membro del consiglio direttivo e della giunta di Confindustria, Mario Agnoli, direttore di Confindustria Emilia-Romagna, e Giacomo Gollinucci, presidente dei Giovani Industriali di Forlì-Cesena.

(16 novembre 2009)