Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
carpi

Momant, a Palazzo dei Pio dipinti antichi e moderni

Da venerdì 27 a domenica 29 novembre si svolgerà la seconda edizione della mostra-mercato di alto antiquariato

Dopo il successo della prima edizione ritorna Momant, la mostra-mercato di alto antiquariato organizzata tra le mura rinascimentali di Palazzo dei Pio di Carpi e dedicata ai dipinti antichi e moderni. La seconda edizione della manifestazione, che fin dallo scorso anno grazie a un'affluenza giunta a circa cinquemila persone si è caratterizzata come l'appuntamento artistico più visitato nella città dei Pio, si svolge nel fine settimana compreso tra venerdì 27 e domenica 29 novembre.

Al Momant saranno presenti artisti noti alla storia dell’arte: dai più noti pittori italiani dell’Ottocento, come Telemaco Signorini, Silvestro Lega, Federico Zandomeneghi, Oscar Ghiglia, Ruggero Panerai, Adolfo e Ludovico Tommasi ad alcuni maestri del Seicento italiano e fiammingo. Tra questi ultimi, i galleristi invitati hanno già confermato la presenza di dipinti del bolognese Carlo Cignani, del romano Giovanni Stanchi e del nordico Herman van Swanevelt.

La manifestazione è realizzata con il contributo della Banca Popolare dell’Emilia Romagna, di Blumarine, di Arbe Industrie Grafiche, di Centrum, di Hydroplants e con il patrocinio del Comune di Carpi e di Confindustria Modena.

Tra i sostenitori c’è anche Anna Molinari, appassionata e collezionista d’arte. In occasione di Momant sarà possibile ammirare alcuni pezzi della sua collezione privata. «Il mio primo acquisto», ricorda la stilista di Blumarine, «è stato un dipinto di Federigo Zandomeneghi, anche se sono stata ancor più coinvolta emotivamente dall’acquisizione del "Ritratto della pittrice Ruth Sterling" di Giovanni Boldini, bellissimo per l’eleganza del tratto pittorico dell’artista e per lo splendido abito in esso raffigurato che incarna idealmente il romanticismo e la femminilità delle mie collezioni».

L'organizzatore della manifestazione, Sgp Eventi, ha puntato sulla pittura antica e sull’Ottocento italiano perché il mercato artistico, pur riscontrando difficoltà in certi settori come quello dell'arte contemporanea, ha confermato invece una sostanziale tenuta dei prezzi e del valore delle opere realizzate in quel periodo.

Momant si pone come appuntamento di rilievo per collezionisti, operatori e amanti dell'arte. A confermare la vocazione culturale di Momant anche una sinergia con i musei civici di Palazzo dei Pio, visitabili durante gli orari di apertura della manifestazione, e con l’ottocentesco Palazzo Foresti, storico edificio nel corso dei decenni di proprietà dei maggiori collezionisti della città. In quest'ultimo luogo sarà infatti possibile visitare la mostra, inaugurata in concomitanza con Momant, "Giovanni Muzzioli (1854-1894). Il vero la storia e la finzione" (fino al 24 gennaio) e verranno organizzate visite guidate alla collezione privata Alberto Marri ricca di opere di Fattori, Signorini, Messina e gli altri maggiori artisti dell’Ottocento e del primo Novecento.

(23 novembre 2009)
Argomenti: Cultura