Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
afterfestival/2

Modena 2.0, la città secondo Mumble e SmartFactory

Le due start up modenesi presentano due piattaforme innovative in una serata-evento ad hoc


Due progetti “smart” per riscoprire due luoghi simbolo della città di Modena. È quanto si cela dietro la serata-evento “Smart communities need smart cities and welfare”, in programma sabato 30 settembre, a partire dalle ore 19, nella sala di Rappresentanza del Palazzo comunale di Modena. L’evento si inscrive nella cornice del festival “After Futuri Digitali. Modena Smart Life” (dal 29 settembre al 1° ottobre).

Grazie a Mumble le sale storiche del Palazzo comunale e il sacrario partigiano della Ghirlandina prenderanno letteralmente voce con la combinazione della tecnologia iBeacon e dell’app ArtplaceMuseum, l’applicazione ideata e sviluppata dalla start up tramite cui è possibile vivere una rivoluzionaria esperienza di visita.

Grazie, invece, alla collaborazione fra Day (la società leader sul mercato italiano dei buoni pasto), il tour operator Modenatur e la start up solierese SmartFactory, Palazzo Ducale entrerà a far parte di Day Welfare, un innovativo progetto di welfare aziendale per la gestione dei "flexible benefit" (una serie di beni o servizi che l'impresa può decidere di erogare a favore dei propri dipendenti).

Nel corso della serata interverranno il sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, l’assessora al Turismo del Comune, Ludovica Carla Ferrari, il ceo di SmartFactory, Vittorio Cavani, il ceo di Mumble, Mattia Farina, e il presidente del Gruppo Giovani di Confindustria Emilia Marco Arletti.

(27 settembre 2017)
Argomenti: Ict, Enti locali