Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
web e moda

Messori presenta la propria App gratuita

Il brand maschile specializzato in capi di alta qualità rende fruibile la propria App, in cui è concentrata la filosofia e l’anima dell’azienda

Messori alimenta la sua strategia web con il lancio della Messori Hd App, in cui è concentrata la filosofia e l’anima dell’azienda di Fiorano.

Gianmarco Messori, Ceo dell’azienda, racconta le motivazioni alla base di questa scelta. «Sono convinto che il web confermerà anche in futuro il trend di forte crescita che ha mostrato in questi anni, anche se il lusso maschile su internet deve ancora superare completamente le barriere psicologiche dei consumatori».

Scopo di questa strategia è «fornire più informazioni possibili all’acquirente che ancora non ci conosce, perché si fidi di noi, dei nostri prodotti e dell’esperienza maturata in 40 anni di attività».

La Messori App, per ora solo per iPad e iPhone, è rivolta a quel pubblico aggiornato e attento allo stile che rappresenta il cliente di riferimento per Messori. Lo store locator permette poi di sapere, nel mondo, quale è la boutique più vicina dove poter "toccare" il capo Messori. Inoltre scaricando la App l’utente rimane "collegato" live col mondo dell'azienda di Fiorano.

Entro marzo l’azienda lancerà anche il Messori Online Store, inizialmente destinato al mercato italiano ed europeo. Il web partner che affiancherà Messori nello sviluppo App e nelle strategie di marketing sarà Siglacom, leader nazionale per Seo (l'ottimizzazione dei flussi di traffico attraverso i motori di ricerca) con sede a Mantova.

Intanto, navigando sulla Rete e spulciando qualche forum ci si imbatte nei primi commenti positivi alla nuova app, con tanto di stoccata all'universo maschile. Dice l'utente ginny988: «Stavo facendo un po' di ricerca sulle app dedicate alla moda. Io mi sono scaricata quella gratis di Messori che mi piace molto per le foto delle varie collezioni, con degli outfit completi che possono servire da spunto per gli uomini incapaci con gli abbinamenti».

(13 marzo 2012)