Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
anama

Mercato immobiliare, la situazione è critica

L'associazione provinciale degli agenti immobiliari aderente a Confesercenti chiede un alleggerimento della pressione fiscale. -7,1% il calo delle quotazioni delle case sul territorio provinciale e -9,4% le compravendite

S’inclina in modo deciso l’andamento del mercato immobiliare modenese: -7,1 per cento il calo delle quotazioni delle case sul territorio provinciale e -9,4 per cento le compravendite. «Nessuna sorpresa», fa sapere Archimede Pingiori presidente provinciale Anama (l'associazione degli agenti immobiliari aderente a Confesercenti). «Anche le rilevazioni esposte recentemente da Tecnocasa, e relative al secondo semestre 2011, fotografano una situazione critica».

Un mercato decisamente fermo dunque quello del "mattone" a cui non offre sollievo nemmeno l’incremento delle richieste d’affitto. «È risaputo che chi è impossibilitato a comprare casa deve necessariamente ripiegare sull’immobile in affitto. I buoni risultati da questo punto di vista però non risolvono la situazione d’immobilità del mercato. Qualche segnale confortante arriva dalla montagna».

Anche la Montagna però non rimane che una magra consolazione. «Il quadro generale», evidenzia ancora Pingiori, «resta critico e rischia di appesantirsi ulteriormente con l’introduzione dell’Imu e l'attesa riforma del catasto. Quest'ultima, se avvicinerà, come pare, gli attuali valori catastali a quelli di mercato comporterà un significativo aumento della pressione fiscale sugli immobili.

Preoccupa poi la contrazione del valore dei mutui erogati dalle banche della nostra provincia (-27.3 per cento nel terzo trimestre dell’anno scorso), dato fra i peggiori in regione.

(10 maggio 2012)