Confindustria Modena
Estero
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
ceramica

Tegole solari, partner cinese per Marazzi

Il gruppo sassolese ha stretto un accordo di cooperazione scientifica con Sinocome Group per lo sviluppo di nuove applicazione ecosostenibili nel campo dell'edilizia

Sinocome GroupMetti una piastrella in Cina e salta fuori un accordo di cooperazione scientifica. Marazzi e Sinocome Group (realtà all'avanguardia nella produzione di pannelli solari basati sulla tecnologia del silicio amorfo) lavoreranno insieme per lo sviluppo di piastrelle e tegole solari.

La collaborazione tra le due aziende, ufficializzata nell’ambito della recente missione commerciale cinese in Italia, punta allo sviluppo di nuove applicazioni su supporti ceramici, destinate alle costruzioni in Europa e nel mondo secondo la filosofia del "green building" e dello sviluppo urbano ecosostenibile.

Il progetto, frutto della sinergia tra le tecnologie innovative del player cinese e il know-how di Marazzi Group nel settore ceramico, prevede una prima fase in cui si lavorerà fianco a fianco per la ricerca e lo sviluppo di celle solari su supporto ceramico e una seconda in cui si procederà alla realizzazione di un impianto pilota per la produzione su larga scala di lastre solari. Per il 50 per cento del costo si potrà ricorrere al cofinanziamento pubblico che spetta ai programmi sulle energie rinnovabili all'estero e previsto dall’accordo firmato lo scorso marzo dal sottosegretario allo Sviluppo economico Adolfo Urso, l'Associazione delle imprese italiane per le energie rinnovabili (Aper) e l'Istituto per il commercio con l'estero (Ice).

La Cina rappresenta oggi il più grande mercato mondiale per le piastrelle in ceramica (tre miliardi di metri quadri venduti nel 2007). Dal 2008 è una delle sei business unit che costituiscono il Gruppo Marazzi; la sua presenza si articola su tre uffici (Shanghai, Foshan, Hong Kong) con un’organizzazione localizzata e dedicata allo sviluppo di prodotti per il mercato sia domestico sia di esportazione. La business unit cinese del Gruppo Marazzi gestisce la logistica, il marketing e la distribuzione dei prodotti e rafforza l'attività di export, avviata sin dal 2004, di prodotti realizzati in Cina verso i mercati del Far East, del Medio Oriente, dell'Oceania, del Sud America e dell'Africa. A sostegno di questa strategia di espansione, gli investimenti del gruppo, negli ultimi tre anni, sono stati di circa 300 milioni di euro.
Oggi, grazie al lavoro di più di seimila dipendenti, la multinazionale di Filippo Marazzi è in grado di servire oltre 14.500 punti vendita in più di 130 Paesi del globo.

(13 luglio 2009)