Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
in collaborazione con i lions

Mantovanibenne
Quando il lavoro si fonde con arte e salute

L'azienda di Mirandola si fa promotrice di più progetti per la tutela della salute e del benessere fisico e psichico di dipendenti, dei ragazzi delle scuole secondarie e di tutta la comunità locale


"La fabbrica, dove l'arte incontra la sua anima"
: questo il tema dell'evento che si è svolto a Mirandola presso l'azienda Mantovanibenne (nella sede inaugurata nel 2013 dopo la ristrutturazione successiva al terremoto del 2012).

La serata, organizzata in collaborazione con il Lions Club di Mirandola, è stata l’occasione per presentare il concorso di idee "Movimento, stile di vita, salute e benessere sociale" intitolato alla memoria di Sebastiano Mantovani, nel decimo anniversario della scomparsa.

Il progetto è rivolto agli alunni delle scuole secondarie di 1° e 2° grado del territorio di Mirandola, Concordia, Cavezzo, Medolla, San Possidonio e San Prospero e agli studenti del Corso di laurea in Infermieristica dell'Università di Modena e Reggio Emilia con l’obiettivo di favorire sani stili di vita e prevenire l’insorgenza di patologie croniche, con particolare riferimento al diabete di tipo 2.

«Da aprile», ha dichiarato Roberta Mantovani, presidente e ad di Mantovanibenne, «abbiamo promosso un programma di salute e benessere rivolto a tutti i nostri dipendenti, un percorso individuale con Alessandra Morgante biologa-nutrizionista per imparare ad alimentarsi meglio a e prendersi cura di sé».

«Questo concorso rappresenta un ulteriore passo avanti», continua la presidente «vogliamo coinvolgere l’intera comunità, e in particolare i giovani, in un programma di prevenzione e tutela della propria salute. Così, quando il presidente del Lions Club Mirandola Guido Zaccarelli ci ha presentato il progetto, abbiamo immediatamente deciso di sostenerlo».

Durante l’evento i numerosi ospiti hanno potuto inoltre visitare lo stabilimento e osservare da vicino i diversi processi produttivi e in particolare come partendo da una semplice lamina di ferro, si arrivi a ottenere un prodotto finito ed esclusivo nel suo genere.

Molto interesse hanno suscitato le opere d’arte realizzate dall’azienda in occasione del Festival della Filosofia di quest’anno: "Trituratori di memoria riciclata". Si tratta di due delle opere di "Cambia menti", un progetto-mostra allestito nel cortile del Palazzo della Pieve a Carpi dall’artista Adolfo Lugli, anch’egli presente alla serata. Le opere, ora visibili nel cortile interno dell’azienda, sono state realizzate dai dipendenti.

Ospite d'onore della serata è stato Claudio Marcello Costa, inventore della prima Clinica Mobile, innovativa modalità di soccorso apprezzata da tutti i piloti del motomondiale e tuttora imitata nel mondo del motociclismo.

(25 ottobre 2017)
Argomenti: Cultura