Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
comagarden

Macchine per il giardinaggio in flessione nel primo semestre

Il mercato delle macchine per il giardinaggio e la cura del verde chiude il primo semestre 2011 con un calo complessivo dell’1,3 per cento rispetto al 2010

Il mercato delle macchine per il giardinaggio e la cura del verde chiude il primo semestre 2011 con un calo complessivo dell’1,3 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Al dato negativo che si registra per rasaerba (-5 per cento), decespugliatori (-3,4 per cento) e macchine per la manutenzione del verde (-22,1 per cento), si contrappongono i buoni andamenti di altre tipologie di macchine e attrezzature, come i ride-on (+3,5 per cento), le motoseghe (+5,3 per cento) le motozappe (+16,9 per cento).

La flessione complessiva dell’1,3 per cento, rilevata dal gruppo statistico Morgan e presentata a Bologna nel corso di una convention promossa da Comagarden, il gruppo che all’interno di Unacoma rappresenta i costruttori del comparto, è dovuta a un peggioramento delle vendite nel periodo aprile-giugno (-4,4 per cento in media), che ha vanificato l’andamento positivo del primo trimestre dell’anno.

Prospettive non positive anche per quanto riguarda il secondo semestre: considerando infatti l’andamento degli ultimi due trimestri dello scorso anno si deve ipotizzare un consuntivo 2011 intorno ai -3 punti percentuali (in ragione di 1.243.000 unità complessivamente vendute). In particolare i rasaerba dovrebbero calare dell’8,8 per cento, i ride-on dovrebbero decrescere del 4 per cento, i decespugliatori dello 0,9 per cento e le macchine manutenzione del verde del 10,8 per cento.

Chiusura d’anno in crescita, invece, per le motoseghe (+1,6 per cento) e per le macchine per la raccolta foglie (+1,4 per cento). Un simile risultato, che smentisce le previsioni di inizio anno che facevano pensare ad un 2011 in ripresa, è da mettere in diretta relazione con il clima d’incertezza che ancora caratterizza l’economia italiana, e che induce tanto il pubblico dei professionisti quanto i privati appassionati del verde a sospendere gli investimenti in macchinari e attrezzature.

«Insieme all’andamento del mercato nazionale monitoriamo con attenzione quanto accade sui mercati esteri», commenta il modenese Stefano Slanzi, presidente di Comagarden, «perché le nostre imprese hanno anche una vocazione alle esportazioni. Il mercato mondiale delle macchine e attrezzature per il giardinaggio è cresciuto approssimativamente del 5 per cento nel 2010 ma nei primi sei mesi di quest’anno mostra, secondo i dati forniti dalle associazioni costruttori dei vari Paesi, una tendenza al ribasso (Usa -13 per cento, Regno Unito -6 per cento, Germania -4 per cento, mentre stagnante risulta il mercato francese attestato sugli stessi livelli dell’anno precedente) come conseguenza del clima d’incertezza che di nuovo grava sulle economie occidentali. Continuano ad avere un trend positivo, invece, il Sudamerica, in particolare il Brasile, la Turchia e l’area Far East.

«Per agganciare questi mercati», conclude Slanzi, «occorre sviluppare strategie mirate, utilizzando al meglio anche gli eventi fieristici come il grande appuntamento di Eima Green del novembre 2012, che sarà l’occasione per un confronto fra domanda e offerta di tecnologie a livello mondiale». Guarda i dati

(26 ottobre 2011)
Argomenti: Metalmeccanico