Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
federunacoma

Macchine da cantiere: un mercato da rilanciare

Massimo Goldoni: «Gli enti pubblici tornino a investire non soltanto nella cantieristica, ma anche nell'acquisto di macchine per la protezione civile e per le emergenze ambientali»

Massimo Goldoni

La crisi dell’edilizia e delle grandi opere penalizza il mercato delle macchine da cantiere, che anche nel primo trimestre 2012 registra pesanti flessioni. I dati, elaborati dalle associazioni che rappresentano i vari comparti della meccanizzazione per le costruzioni, indicano nel periodo gennaio-marzo un calo complessivo del 22,4 per cento per le macchine movimento terra e dell’11,1 per cento per le macchine per i lavori stradali. Il dato si inserisce in un trend negativo che caratterizza il settore ormai da lungo tempo e che ha visto il mercato del movimento terra chiudere il 2011 con una flessione del 21,3 per cento.

Esaminando le varie tipologie di macchine, si rileva un calo del 18,9 per cento per le "macchine tradizionali" ( comprendenti apripista, escavatori cingolati e gommati, pale gommate) in ragione di 450 unità complessivamente vendute; e un calo del 23,5 per cento per le "macchine compatte" (miniescavatori, minipale compatte e minipale compatte cingolate) a fronte di 1.091 unità vendute. I sollevatori telescopici segnano un passivo del 33,6 per cento (140 unità vendute), mentre in crescita risultano le terne, che complessivamente registrano un incremento del 38,9 per cento. Per quanto riguarda la macchine specifiche per i lavori stradali (rulli e vibrofinitrici), le vendite nel primo trimestre dell’anno segnano un calo dell’11,1 per cento.

«La crisi delle macchine da cantiere», spiega Massimo Goldoni, presidente di Federunacoma, la federazione della Confindustria che al proprio interno rappresenta, con la sigla Comamoter, il settore del movimento terra, «non dipende certamente da una saturazione del mercato o da fattori legati alla qualità delle tecnologie, perché le nostre industrie continuano a crescere sui mercati esteri, come dimostrano i dati Istat sulle esportazioni che indicano un incremento del 37,5 per cento in valore nel corso del 2011, ma dipende dalla situazione strutturale del nostro Paese, dove il settore delle costruzioni versa in situazione di grave crisi».

«Le macchine per il movimento terra sono fondamentali per la protezione civile e per tutte le opere di prevenzione e contrasto delle calamità naturali», conclude Goldoni. «Presto avvieremo una ricognizione sul fabbisogno reale di macchine per la protezione civile, laddove troppo spesso al cospetto di emergenze climatiche e ambientali gli enti pubblici sono costretti ad arrangiarsi con mezzi "fai da te" che si rivelano inefficienti e pericolosi».

(18 maggio 2012)