Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il seminario

Le imprese fanno rete

Confindustria Modena e Industriali Reggio Emilia presentano i risultati del progetto di ricerca sulle reti di imprese, realizzato insieme all'Università di Modena e Reggio Emilia. Protagonisti del seminario gli approfondimenti sul contratto di rete e le testimonianze delle aziende

Per una realtà imprenditoriale come quella emiliana, in cui le piccole e medie imprese rappresentano la stragrande maggioranza, il "contratto di rete" è uno strumento che può rivelarsi decisivo per le aziende che non vogliono rimanere escluse dalle prospettive di crescita.

Con il contratto di rete è possibile, infatti, scambiarsi informazioni e prestazioni e svolgere in comune una o più attività. In questo modo le imprese possono integrare fasi complementari del processo produttivo, fare massa critica per acquisti e investimenti commerciali, accrescere le proprie conoscenze condividendo i rischi legati ai processi di innovazione e avere accesso a nuovi mercati e clienti.

Con questa consapevolezza Confindustria Modena e Industriali Reggio Emilia, dando prova loro stessi di sapersi mettere in rete, hanno fin da subito sostenuto le reti d'impresa, continuando a offrire spazi di approfondimento e occasioni per comprendere come applicare questo modello alle specifiche esigenze delle aziende.

L'ultimo esempio in ordine di tempo è il corso di alta formazione in "Gestione e sviluppo delle reti di impresa", il secondo istituito in Italia e il primo in Emilia-Romagna, realizzato congiuntamente dalle due associazioni territoriali e concluso meno di un mese fa.

Si inserisce in questa direzione anche il seminario che si terrà lunedì 21 novembre, a partire dalle 15.00, presso la sede degli Industriali Reggio Emilia, in via Toschi 30/a a Reggio Emilia.

In quell'occasione, dopo gli interventi dei due presidenti, Pietro Ferrari per Confindustria Modena, e Stefano Landi, per Industriali Reggio Emilia, verranno presentati i risultati del progetto di ricerca realizzato insieme dalle due territoriali di Confindustria, con la collaborazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia: a introdurre il documento saranno Mariacristina Gherpelli, (Industriali Reggio Emilia) e Giuseppe Molinari (Confindustria Modena), i due coordinatori per le rispettive associazioni della Commissione di studio sulle Reti d’impresa.

A entrare più approfonditamente nel merito degli aspetti civilistici, finanziari, organizzativi e fiscali del contratto di rete saranno Tommaso Fabbri, Federico Mucciarelli e Stefano Cosma, docenti dell'Università di Modena e Reggio Emilia, e Maurizio Bisi, commercialista esperto del settore; mentre del rapporto con le banche si occuperà Sandro Bianco (Strategy and Marketing, Corporate & Investment Banking di Unicredit).

L'obiettivo dell'incontro è anche mostrare “cosa vuole dire fare rete”, attraverso alcuni casi concreti, illustrando gli strumenti e le agevolazioni disponibili: delle prassi e prime applicazioni del contratto di rete parlerà Paola Lamiceli, dell'Università di Trento, e porteranno la propria testimonianza Barbara Franchini, di Net Made, e Moreno Dal Rio, di Mcf Net.

Infine, Aldo Bonomi, vicepresidente per le Politiche territoriali e distretti di Confindustria e presidente di RetImpresa, l'agenzia creata da Confindustria per le aggregazioni tra imprese, concluderà il convegno parlando del ruolo e dei servizi del sistema Confindustria.

(18 novembre 2011)
Argomenti: Confindustria