Confindustria Modena
Lavoro
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
controlli

Cresce il lavoro irregolare

La Direzione provinciale del lavoro nel primo trimestre 2009 ha comminato sanzioni per quasi un milione di euro

I controlli effettuati nei primi mesi del 2009 dalla Direzione provinciale del lavoro, dalla Guardia di Finanza, dall’Inail e dall’Inps hanno evidenziato «una tendenza all’aumento delle situazioni di irregolarità e un preoccupante ricorso delle aziende modenesi al lavoro nero». Lo ha sottolineato l’assessore provinciale al Lavoro Gianni Cavicchioli in occasione dell’illustrazione dei dati alla commissione per l’emersione del lavoro irregolare di cui fanno parte sindacati, associazioni di categoria e organi di controllo.

Sono 268 le aziende modenesi irregolari su 369 ispezionate dalla Direzione provinciale del lavoro nei primi tre mesi del 2009; nello stesso periodo del 2008 le aziende irregolari accertate erano state 123. Nel primo trimestre 2009 sono state comminate sanzioni per un valore di 934 mila euro e recuperati contributi e premi per 385 mila euro.

I 62 controlli delle Fiamme Gialle, dal canto loro, nel periodo gennaio-aprile 2009, hanno portato alla scoperta di 27 aziende irregolari; nel 2008, stesso periodo, su 80 controlli le aziende irregolari erano risultate 33.

Dai 370 controlli Inps nei primi quattro mesi dell’anno sono emerse irregolarità per 337 soggetti. 

Nello stesso periodo i controlli dell’Inail hanno riguardato 104 aziende, in 81 delle quali sono state accertate irregolarità. Le percentuali più alte riguardano le aziende fino a 15 dipendenti (80 per cento irregolari: 57 sulle 71 controllate) e quelle tra i 16 e i 50 dipendenti (79 per cento: 15 sulle 19 controllate).

(24 maggio 2009)
Argomenti: Enti locali