Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
enologia

Lambrusco, si brinda al successo 

Il vino tipico di Modena entra nella rosa delle eccellenze italiane. Premiato dal Gambero Rosso il Sorbara Doc Vecchia Modena "Premium" di Chiarli

Il Lambrusco entra a pieno titolo nella rosa delle eccellenze italiane. A decretarlo è "Vini d’Italia", la guida del Gambero Rosso che nell’edizione 2010, per la prima volta, assegna i 3 bicchieri a un Lambrusco: il Sorbara Doc Vecchia Modena "Premium" di Chiarli-Privi, la casa vinicola modenese fondata nel 1860. Il Vecchia Modena "Premium", uno dei vini più rappresentativi della linea Cleto Chiarli ed etichetta storica dell’azienda, è ottenuto dalle migliori uve Sorbara dei vigneti di proprietà Chiarli.

Già nel lontano 1900, "Vecchia Modena" ottenne la mention honorable in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi, menzione che oggi è riprodotta con orgoglio sull’etichetta stessa del vino, a dimostrazione delle storiche e prestigiose origini del prodotto.

Il riconoscimento del Gambero Rosso, che cade proprio a un anno dal 150° anniversario dell’azienda, riempie d’orgoglio il legale rappresentante Anselmo Chiarli che afferma: «Sono felice che finalmente il Lambrusco si sia riguadagnato il posto che merita tra i grandi vini italiani. Questo risultato premia l’impegno e la dedizione che la nostra azienda ha sempre dimostrato, anche investendo in tecnologie produttive e attività di ricerca intensificatesi particolarmente negli ultimi anni, ma premia anche il territorio di Modena, il Consorzio e tutti coloro che hanno lavorato e creduto nelle potenzialità del vitigno e nel progetto di riqualificazione del lambrusco».

Il lambrusco è tra i vini più venduti al mondo, e la sua storia si intreccia indissolubilmente a quella della famiglia Chiarli. La Cantina nasce infatti nel 1860 per opera di Cleto Chiarli che prima di allora gestiva nel centro di Modena la trattoria dell’Artigliere e produceva in proprio il lambrusco per i clienti del suo locale. L’azienda è diretta dai fratelli Anselmo e Mauro e dispone di 7 tenute agricole e di due cantine, la Storica "Chiarli 1860" a Modena e la "Cleto Chiarli" a Castelvetro.

(12 ottobre 2009)
Argomenti: Agroalimentare