Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
settore plastico

Lairt festeggia i 60 anni di attività

Oggi sulla tolda di comando la terza generazione della famiglia Belelli e i soci Fabrizio e Cesare Vitelli


Foto di gruppo per l'importante traguardo di Lairt

Sessant’anni nel mondo della plastica. È stata una grande festa dedicata a tutti i collaboratori quella con cui sabato 16 settembre Lairt, azienda bolognese specializzata nella produzione di articoli stampati a iniezione in materiale plastico, assemblaggio e costruzione stampi, ha celebrato l’importante anniversario e richiamato alla memoria una storia di successo.

L'avventura di Lairt è iniziata nel 1957, quando il pasticcere Athos Belelli decise di acquistare, in società con un amico, una vecchia pressa manuale e avviare una piccola produzione di mollette di plastica in un laboratorio preso in affitto in via Decumana, a Bologna, dove si rifugiava dopo il lavoro per arrotondare. Pochi anni più tardi, nel 1962, la crescita del volume d’affari costrinse Belelli ad una scelta che lo portò ad abbandonare la pasticceria, affittare 300 metri quadrati di capannone in via Emilia Ponente e fondare la Lairt.

Risale al 1962 l’ingresso in azienda del figlio di Athos, Paolo, che ne assunse la guida nel 1967, con la collaborazione della moglie Valeria. Da allora, di pressa in pressa e di stabilimento in stabilimento, la crescita della Lairt è stata costante ed esponenziale e l’azienda ha nel corso degli anni ampliato il proprio raggio d’azione: dal confezionamento all’assemblaggio, dai servizi all’imballaggio e alla costruzione di stampi, divenendo leader di mercato, insieme alla consociata Gierre Stampi, in un settore che richiede avanzate conoscenze e sistematici aggiornamenti culturali sulle tecnologie di processo grazie a significativi investimenti in ricerca e sviluppo.

Dopo un ventennio come unico fornitore della Giordani, il colosso di giocattoli e carrozzine di Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna, la Lairt modificò anche il proprio mercato di riferimento, approdando al settore automotive. L’azienda può attualmente annoverare tra i propri principali clienti marchi quali Ducati, con cui opera da 30 anni, e Ferrari, per i quali cura anche le fasi di assemblaggio, i processi di saldatura ad ultrasuoni.

Oggi la tradizione familiare è portata avanti dalla terza generazione Belelli con Daniela ed Emanuela e i soci, Fabrizio e Cesare Vitelli.

(27 settembre 2017)
Argomenti: Plastico