Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
sanità

La Regione accredita in modo definitivo le 5 case di cura private modenesi

Gli ospedali privati Casa di cura Prof. Fogliani, Hesperia Hospital, Villa Igea, Villa Pineta e Villa Rosa sono stati inseriti nel novero dei presidi regionali al servizio del sistema pubblico emiliano-romagnolo

Paolo ToselliSi è compiuto in questi giorni il complesso iter amministrativo che ha portato la concessione del titolo di "ospedali definitivamente accreditati" da parte della Regione alle strutture private con i requisiti richiesti dall'assessorato alle Politiche per la salute.

Nel modenese operano l'Ospedale privato di alta specialità Hesperia Hospital, l'Ospedale privato accreditato Casa di Cura Prof. Fogliani, l'Ospedale privato accreditato Villa Igea, l'Ospedale privato accreditato Villa Pineta e l'Ospedale privato accreditato Villa Rosa.

Si tratta di cinque società, specializzate in varie discipline mediche (dalla psichiatria alla riabilitazione, dalla chirurgia alla cardiochirurgia), con 659 letti accreditati e quasi 600 addetti.

In passato il rapporto delle case di cura private con il sistema sanitario regionale era basato sulle convenzioni integrative e dal 1996 sulla qualifica di "soggetti provvisoriamente accreditati".

«Con l’accreditamento», spiega Paolo Toselli, presidente di Aiop Modena, «il cittadino ha la garanzia di accedere, per i suoi bisogni di salute, a strutture in possesso di requisiti strutturali, tecnologici, organizzativi e gestionali verificati e certificati da apposite commissioni regionali. Tale garanzia sarà mantenuta attraverso ulteriori verifiche con scadenze temporali già definite dalla normativa».

Carlo Lusenti«L’integrazione nella rete di cura della Provincia e della Regione, già presente da anni tramite una fitta tela di accordi locali e partecipazione a progetti di reciproca collaborazione, viene così sancita ufficialmente e definitivamente», continua Toselli. «Le prestazioni accreditate fornite dagli ospedali privati sono a carico del Servizio sanitario nazionale. Il cittadino potrà, quindi, scegliere liberamente il luogo di cura, fra gli ospedali pubblici e gli ospedali privati accreditati».

«Con l’accreditamento, gli ospedali privati, con i quali fin dal 1996 il Servizio sanitario regionale ha stipulato accordi, assumono un ruolo strutturale all’interno del Servizio sanitario regionale», conferma Carlo Lusenti, assessore alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna, «e diventano parte integrante del sistema socio-sanitario della nostra Regione, un sistema a responsabilità interamente pubblica, imperniato sulla cooperazione e sulla rete».

Le cinque strutture ospedaliere private accreditate modenesi, insieme a quelle dell'Emilia-Romagna, 43 in tutto, sono raccolte in un volume dal titolo "Accreditamento definitivo 2011. L’Ospedalità privata in Emilia-Romagna. Integrazione e ruolo dei presidi privati nella rete regionale", che contiene illustrazioni e schede descrittive di ogni società. Il compendio è stato realizzato dall'Aiop Emilia-Romagna ed è stato recentemente presentato nel corso dell’Assemblea annuale.

(25 maggio 2011)
Argomenti: Sanità