Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il convegno

Villa Igea: la fragilità dell'operatore psicogeriatrico

Venerdì 25 febbraio presso l'auditorium Giorgio Fini di Confindustria Modena si terrà il convegno "La fragilità dell'operatore psicogeriatrico"

Venerdì 25 febbraio alle ore 9 presso l'auditorium "Giorgio Fini" di Confindustria Modena si terrà il convegno "La fragilità dell'operatore psicogeriatrico".

Obiettivo dell'incontro è approfondire un tema di grande interesse: l'aumento della popolazione anziana con disabilità di origine psicogeriatrica e il rapporto con gli operatori che si prendono cura di questi malati.

Il convegno è dedicato a questa categoria di sanitari, che rappresentano un patrimonio indispensabile per la qualità della assistenza offerta al malato, ma che sono soggetti a loro volta a "fragilità" perché il lavoro che svolgono è molto stressante.

Oggi i presidi terapeutici a disposizione hanno un peso modesto sulla evoluzione di queste malattie: la vera tecnologia è la qualità della cura, determinata non solo dalle abilità professionali, ma anche relazionale e umana degli operatori.

La natura evolutiva cronica dei disturbi e la intrinseca difficoltà alla relazione che i professionisti psicogeriatrici devono affrontare quotidianamente possono mettere a repentaglio la loro energia e tenuta nel tempo. Difficoltà che sono potenzialmente accentuate da rapporti conflittuali con la famiglia, da problemi organizzativi di lavoro e da un clima emotivo sfavorevole dell'équipe.

Ecco perché è particolarmente importante approfondire i problemi degli operatori psicogeriatrici e discutere delle strategie per riuscire a risolverli.

All'incontro parteciperanno alcuni tra i principali esperti e accademici del settore. Un aiuto in questo senso verrà anche dalla presentazione del libro «Assistenza in Psicogeriatria. Manuale di "sopravvivenza" dell'operatore psicogeriatrico», a cura di Fabrizio Asioli e Marco Trabucchi (Maggioli editore).

(23 febbraio 2011)
Argomenti: Sanità