Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
la novità

La Bibbia di Borso d'Este? In digitale

Il celebre codice miniato è stato digitalizzato grazie al progetto "Rerum Novarum" realizzato dal laboratorio universitario Imagelab in collaborazione con Franco Cosimo Panini Editore

Rita CucchiaraLa Bibbia di Borso d'Este approda al digitale. Il celebre codice miniato del Rinascimento, conservato alla Biblioteca Estense di Modena, grazie al progetto "Rerum Novarum" potrà essere scandagliato come un sito web.

Le caratteristiche di questa nuova tecnologia che permetterà a chiunque di navigare all'interno delle immagini miniate sono state illustrate alla Biblioteca Estense di Modena da Rita Cucchiara, la responsabile del laboratorio universitario Imagelab (che ha curato il processo di digitalizzazione), e da Luca Panini, responsabile progetti multimediali della Franco Cosimo Panini Editore.

«Il progetto», spiega Rita Cucchiara, «si basa sulla realizzazione di un innovativo sistema multimediale di analisi, ricerca e navigazione virtuale nelle immagini e nei testi di codici miniati, con interfacce come grandi installazioni e touch-screen. Uno schermo multi-touch appositamente realizzato permetterà a tutti di "sfogliare" le pagine virtuali della Bibbia, ingrandirle e gestirle a piacimento. Ma non solo: tramite un avanzato software di elaborazione delle immagini, si potranno ricercare miniature simili tra loro, organizzarle in gruppi e metterle a confronto».

"Rerum Novarum" rappresenta un progetto di alto valore scientifico, culturale e divulgativo, reso possibile grazie al contributo della Regione Emilia-Romagna e alla collaborazione della Biblioteca Estense Universitaria.

Per capire il contributo di questa rivoluzione tecnologica, basti dire che per ragioni di conservazione, la Bibbia di Borso d'Este è custodita all'interno di una teca blindata a cui (finora) nemmeno gli studiosi possono accedere.

(24 settembre 2010)
Argomenti: Cultura