Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il piano

Aree industriali, investimenti per 54 milioni di euro

Il Consorzio attività produttive investirà questa somma per favorire i nuovi insediamenti delle imprese

Andrea Casgrande, presidente del Consorzio attività produttive aree e serviziCirca 54 milioni di euro per gli insediamenti produttivi del nostro territorio. A tanto ammontano gli investimenti approvati dal Consorzio attività produttive aree e servizi in favore delle imprese che intendono espandersi in nuove aree industriali.

Per il presidente dell'ente consortile Andrea Casagrande si tratta di un segnale importante «sia per le aziende che possono investire adesso, sia per quelle che potranno farlo non appena ci sarà l'auspicata ripresa. I buoni risultati raggiunti in questi anni ci permettono, in una logica anticiclica, di progettare nuove aree ecologicamente all'avanguardia come i piani per gli insediamenti produttivi (Pip) 10 e 9 a Modena. Interverremo per riqualificare le aree produttive esistenti, per migliorarne l'efficienza e valorizzarle al meglio. Il prezzo finale proposto alle aziende sarà decisamente inferiore ai prezzi medi di mercato: il fatto di essere consorziati ci permette di programmare interventi che il singolo comune difficilmente può gestire».

«Quello del consorzio è un bilancio sano», sottolinea Valerio Zanni, presidente dell'assemblea dei 13 comuni consorziati, «che può guardare al futuro forte della gestione positiva degli anni passati».

Il Pip 2 di via Pica a Modena è in dirittura d'arrivo: è stato completato il progetto esecutivo e si procederà quanto prima alla gara. Sempre nel comune di Modena è previsto l'ampliamento dei Pip 10 e 9, con un intervento che verrà progettato con i criteri Apea (Aree produttive ecologicamente attrezzate); analogamente si opererà per il Pip "Gazzate" nel comune di Nonantola per il quale si è già concluso l'iter urbanistico. È inoltre prevista la riqualificazione del comparto esistente a Bomporto sempre con le modalità Apea.
Al contempo, il Consorzio attività produttive, rispondendo alle indicazioni dei Comuni consorziati, si occuperà di Spilamberto e Castelfranco Emilia, e predisporrà una fase di studio, progettazione e intervento per la riqualificazione di aree esistenti a Castelnuovo (nel comparto della lavorazione delle carni) e a Campogalliano (nell'area doganale).

Il Consorzio attività produttive aree e servizi
Nato nel 1975, comprende 13 Comuni della provincia di Modena: Bastiglia, Bomporto, Campogalliano, Camposanto, Castelfranco Emilia, Castelnuovo, Nonantola, Novi, Modena, Ravarino, San Cesario, Soliera e Spilamberto.

Si occupa dell'attuazione dei Piani per gli insediamenti produttivi (Pip) nell'ambito della pianificazione territoriale dei Comuni e della Provincia. Le aree Pip sono terreni riservati alle attività produttive e ceduti alle aziende a prezzi convenzionati. Negli ultimi anni il consorzio ha diversificato i propri interventi su sollecitazione dei comuni soci, arrivando a realizzare opere e infrastrutture a servizio del territorio.

(28 dicembre 2009)
Argomenti: Enti locali