Confindustria Modena
Stampa l'articolo
il bando

Innovami, così l'idea diventa impresa

Con il nuovo anno si sono riaperte le iscrizioni per l'incubatore di aziende che fa parte della Rete alta tecnologia dell'Emilia-Romagna

Dodici imprese incubate nel 2009, occupazione cresciuta del 10 per cento, fatturato a quota 1 milione e 700 mila euro. Forte di questi numeri, Innovami, il centro per l'innovazione della Rete alta tecnologia dell'Emilia-Romagna, lancia un nuovo bando.

Un'occasione da non perdere per trasformare una buona idea in impresa profittevole, grazie a un pacchetto di servizi base (uffici arredati e dotati di tutte le attrezzature comprese linee telematiche ad alta velocità) messi a disposizione da Innovami con sconti scaglionati (il 70 per cento il primo anno, il 40 per cento il secondo, il 15 per cento il terzo). Quindi i servizi ad alto valore aggiunto, che l'incubatore eroga anche grazie a convenzioni con soggetti esterni. Infine un "business angel" dedicato che, forte di relazioni significative sviluppate nel corso della propria carriera con il mercato di riferimento dell'impresa, può aiutarla ad allacciare contatti e a cogliere nuove opportunità di business.

Costituito nel 2006 dal Con.Ami (Consorzio azienda multiservizi intercomunale), l'incubatore Innovami ha visto transitare, per i locali di via Selice Provinciale, 15 imprese, molte delle quali, terminato il proprio periodo di incubazione, sono state in grado di muoversi sul mercato con le proprie gambe e, in diversi casi, di raddoppiare il proprio fatturato in meno di due anni. Attualmente l'incubatore ospita 8 imprese mentre, nel 2009, le 12 realtà incubate hanno occupato ben 55 persone altamente qualificate (il 73 per cento in possesso della laurea, oltre la metà sotto i 35 anni).

«A livello internazionale», osserva Alberto Tonielli, presidente di Innovami, «in realtà simili alla nostra, molto raramente il "tasso di successo" delle imprese incubate supera i 20-30 punti percentuali. Noi possiamo contare su percentuali di successo superiori al 30 per cento, su tassi di mortalità bassissimi, e soprattutto su velocità di crescita notevoli».

Possono partecipare al bando per l'accesso diretto all'incubatore Innovami progetti d'impresa ad alto contenuto di tecnologia promossi da laureandi o laureati, da personale delle università dell'Emilia-Romagna, compresi i promotori di spin-off accademici. Quindi giovani tecnici impiegati in azienda o persone di lunga esperienza promotori di spin-out aziendali. «Quella offerta da Innovami può anche essere un'occasione per rimettersi in gioco per cinquantenni che perdono il lavoro e che vogliono tentare la strada dell'autoimprenditorialità», sottolinea Tonielli.

La prima scadenza intermedia per la presentazione dei business plan è fissata al prossimo 31 marzo, la seconda il 30 giugno, l'ultima il 15 dicembre 2010.

(22 marzo 2010)