Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo

Inizio d'anno positivo per i trattori

I dati sulle immatricolazioni indicano un attivo del 22 per cento per le trattrici, in un contesto che vede incrementi di vendite in tutti i principali Paesi

Primo trimestre positivo per la produzione di macchine agricole: tra gennaio e marzo 2011 le immatricolazioni di trattrici in Italia hanno registrato una crescita del 22 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; in attivo risultano anche le motoagricole (+8 per cento) e i rimorchi (+18 per cento).

Incrementi ancora più consistenti rispetto al dato medio nazionale si registrano, per quanto riguarda le immatricolazioni di trattrici, in Lombardia (+79 per cento), Piemonte (+36 per cento), Veneto (+32 per cento), Emilia Romagna (+34 per cento), Lazio (+29 per cento) e Puglia (+83 per cento).

L’inizio del nuovo anno è contrassegnato inoltre da andamenti positivi su tutti i principali mercati esteri, con la Francia che registra una crescita nelle immatricolazioni di trattrici del 13 per cento, la Germania che cresce del 45 per cento, gli Stati Uniti in attivo del 6 per cento e la Russia in netto recupero (+71 per cento). L’andamento dell’export riveste un’importanza fondamentale per la tenuta dell’industria italiana della meccanizzazione, che colloca sui mercati esteri il 70 per cento della propria produzione.

«La vera dimensione della ripresa l’avremo nel corso dell’anno», commenta il presidente di FederUnacoma Massimo Goldoni, «quando le vendite e le stesse procedure d’immatricolazione si stabilizzeranno».

L’impennata delle immatricolazioni nel primo trimestre dell’anno, infatti, dipende in buona misura dalla regolarizzazione delle pratiche relative alle vendite effettuate a fine 2010, quando per effetto degli incentivi rottamazione e della scadenza della prima tranche dei finanziamenti nell’ambito dei Piani regionali di sviluppo rurale si è avuta una intensificazione degli acquisti di macchine ed attrezzature.

«Sarà comunque importante, aggiunge Goldoni, che, sia pure con un ridimensionamento in termini di percentuali, il mercato mantenga indici positivi così da confermare l’inversione di tendenza rispetto allo scorso anno, che ricordiamo si era chiuso con un calo per le trattrici pari al 14 per cento».

(02 maggio 2011)
Argomenti: Metalmeccanico