Confindustria Modena
Finanza
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
credito

Imprese, dalla Regione 50 milioni di euro

Nell'intervento a supporto della liquidità e degli investimenti al sistema produttivo regionale sono coinvolti anche Unifidi, Fidindustria, Cooperfidi e 40 banche

Al via, con una dotazione di 50 milioni di euro messa in campo dalla Regione, il fondo di cogaranzia per il sostegno ai finanziamenti, a breve, medio e lungo termine, destinati al sistema produttivo, per garantire liquidità e investimenti.

Coinvolti nell'intervento a supporto delle imprese emiliano-romagnole, a fianco della Regione, i tre consorzi fidi regionali (Unifidi, Fidindustria, Cooperfidi) e 40 istituti bancari. Il fondo, previsto nel bilancio di previsione 2010, parte con una dotazione iniziale di 50 milioni di euro.

«È un'importante boccata di ossigeno finanziario per il sostegno all'economia reale e al sistema produttivo dell'Emilia-Romagna», ha sottolineato l'assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli. «Siamo in una fase della crisi in cui le imprese si stanno riorganizzando e hanno un particolare bisogno di risorse. Il nostro impegno vuole garantire proprio liquidità e investimenti a chi fa impresa in regione: il volume di garanzia che verrà attivato sarà pari a circa 750 milioni di euro per un corrispondente volume di credito di 1,5 miliardi di euro».

Gli imprenditori possono contattare uno dei tre consorzi fidi direttamente dal sito internet (Unifidi, Fidindustria, Cooperfidi).

Il Fondo è destinato a operazioni di investimenti, a finanziamenti e aperture di credito a breve termine per il ripristino del capitale circolante e crediti commerciali, a prestiti partecipativi, al consolidamento delle passività nonché alle locazioni finanziarie immobiliari e mobiliari.

Come funziona il fondo
Unifidi, Fidindustria e Cooperfidi interverranno con la loro cogaranzia nella misura di un terzo della garanzia complessivamente prestata, mentre i restanti due terzi saranno a carico delle risorse regionali del Fondo. La garanzia complessiva sarà prestata, a seconda della fascia di rating in cui si colloca l'impresa beneficiaria, in misura pari al 50 per cento o all'80 per cento del finanziamento o del contratto di locazione finanziaria, entro un importo massimo di 1,5 milioni di euro per singola impresa o 750 mila euro per quelle del settore dell'autotrasporto.

(07 giugno 2010)
Argomenti: Credito, Enti locali