Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
Vinitaly

Il Lambrusco non teme rivali nella Gdo

Nel 2010 è stato il vino più venduto negli scaffali della grande distribuzione con una crescita del 6 per cento. Più 10 per cento l'export dei vini emiliano-romagnoli

Più 10 per cento l'export dei vini emiliano-romagnoli nel 2010. Il Lambrusco conquista il titolo di vino più venduto negli scaffali della grande distribuzione con una crescita del 6 per cento, mentre il Pignoletto, un vino fino a pochi anni fa sconosciuto, vede un'impennata degli acquisti pari al 25 per cento. Si chiude sotto i migliori auspici per la vitivinicoltura emiliano-romagnola l'edizione 2011 del Vinitaly. Lo ha sottolineato l'assessore regionale all'agricoltura Tiberio Rabboni.

«Tra i fattori di questo successo», spiega Tiberio Rabboni, «c'è sicuramente l'aumento della personalità dei nostri vini, accompagnata da un rapporto qualità-prezzo che si conferma ancora tra i più convenienti in assoluto e sostenuta anche da nuovi disciplinari di produzione, quali la nuova Docg "Colli Bolognesi Classico Pignoletto" e le due nuove Doc piacentine "Ortrugo" e "Gutturnio . Completano il quadro i nuovi investimenti nei vigneti e nelle cantine resi possibili anche dalle risorse del Piano regionale di sviluppo rurale e le nuove iniziative sul fronte commerciale, come la decisione dei tre Consorzi del Lambrusco di Modena, Reggio Emilia e Mantova di darsi, per contrastare le imitazioni, un marchio collettivo per l'export».

Ma le novità per l'Emilia-Romagna del vino non si fermano qui. Al Vinitaly è stato tenuto a battesimo Giove, un nuovo Sangiovese Doc superiore di collina realizzato con il contributo di 35 aziende produttrici da Rimini a Imola riunite nel nuovo Consorzio Appennino Romagnolo. Si tratta di un'importante novità nel panorama enologico italiano con un obiettivo ambizioso: quello di realizzare un vino di alta qualità, ma a costi contenuti in grado di affermarsi con successo anche nei mercati esteri.

Il Vinitaly premia i vini dell'Emilia-Romagna
Non solo campione delle vendite, ma anche sempre più un vino di elevata qualità. Un'ulteriore conferma dei successi del Lambrusco arriva anche dal Vinitaly dove il Lambrusco Marcello 2010 dell'azienda Ariola di Calicella di Pilastro (Parma) e il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro doc amabile "Il Fojonco" della società cooperativa agricola Cantine riunite & Civ di Campegine (Reggio Emilia) hanno ottenuto la gran medaglia d'oro, il massimo riconoscimento attribuito dagli esperti della manifestazione vitivinicola. Gianfranco Rossi direttore della storica azienda vitivinicola Casabella di Ziano Piacentino ha ottenuto infine il titolo di "Benemerito della vitivinicoltura italiana" per l'impegno e i risultati conseguiti nel valorizzare le straordinarie potenzialità enologiche del territorio piacentino.

(07 aprile 2011)
Argomenti: Agroalimentare