Confindustria Modena
Estero
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
la visita

Il console belga in Confindustria Modena

La visita istituzionale è servita a François Cornet d'Elzius per approfondire la conoscenza della realtà economico-produttiva modenese nella prospettiva di potenziare gli scambi commerciali già esistenti

Da sinistra: il direttore di Confindustria Modena Giovanni Messori e il console generale del Belgio François Cornet d'ElziusIl direttore di Confindustria Modena Giovanni Messori ha ricevuto in via Bellinzona il conte François Cornet d'Elzius, console generale del Belgio.

Il console Cornet d'Elzius, nel corso dell'incontro, ha espresso vivo interesse per l'importante ruolo rivestito da Confindustria Modena nella promozione e nello sviluppo dell'economia locale.

La visita istituzionale è servita a François Cornet d'Elzius per approfondire la conoscenza della realtà economico-produttiva del territorio modenese nella prospettiva di potenziare gli scambi commerciali già esistenti.

Le migliori performance esportative della provincia di Modena verso il Belgio riguardano principalmente settori come l'agroalimentare, il tessile-abbigliamento, il ceramico e il metalmeccanico. Dal Belgio, invece, trovano sbocco sul mercato modenese prodotti alimentari e chimico-farmaceutici, macchinari e impianti meccanici.

Gli ultimi dati Istat, relativi al 2009, dicono che il valore dell'export modenese verso il Belgio ha registrato un decremento del 19 per cento (dai 306.574.544 milioni di euro del 2008 si è passati ai 247.554.286 dello scorso anno). «Le due economie», ha sottolineato al termine dell'incontro il direttore Giovanni Messori, «pur in un clima di recessione globale, sono complementari e hanno ampi margini di collaborazione per il futuro. Già nel passato, con seminari e incontri mirati, Confindustria Modena ha supportato alcune aziende che hanno voluto insediarsi in Belgio con presidi strategici. Il Belgio e in particolare la Vallonia costituiscono un terminale che il sistema imprenditoriale modenese non può lasciarsi sfuggire».

(23 settembre 2010)
Argomenti: Confindustria