Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
gestione rifiuti

Hera-Cnh accordo
ecosostenibile

Le sedi modenesi di via Pico della Mirandola e viale delle Nazioni al centro di una pianificazione della raccolta differenziata

Da sinistra: il direttore generale di Hera Modena Roberto Gasparetto, l'assessore all'Ambiente del Comune di Modena Giovanni Franco Orlando e l'amministratore delegato di Cnh Italia Rinaldo TondelliUn patto nel segno del rispetto ambientale, che sceglie lo sviluppo sostenibile e la migliore politica di gestione dei rifiuti solidi urbani possibile. L’accordo sottoscritto da Cnh Italia, Gruppo Hera e assessorato alle Politiche ambientali del Comune di Modena va in questa direzione. Con un duplice obiettivo: favorire la raccolta differenziata e disincentivare la produzione degli imballaggi.

L’intesa prevede la pianificazione della gestione complessiva dei rifiuti urbani assimilati, prodotti all’interno delle sedi modenesi di Cnh Italia in via Pico della Mirandola e viale delle Nazioni. Contenitori appositi sono stati sistemati negli uffici per carta, plastica, toner e pile; nelle mense per raccogliere organico, oli alimentari, vetro, plastica, lattine e cartone.

Il progetto coinvolgerà circa 1.600 dipendenti: Cnh Italia si impegna concretamente a intraprendere un percorso di miglioramento rispetto alla percentuale di raccolta selettiva già raggiunta.

«Cnh Italia è ben felice di partecipare a questo progetto per lo sviluppo sostenibile», ha detto l'amministratore delegato Rinaldo Tondelli, «la sostenibilità ambientale è uno degli obiettivi fondamentali del nostro modo di lavorare, tant'è che la quasi totalità dei nostri stabilimenti italiani è già certificata Iso 14001. Il nostro impegno nei confronti dei temi ambientali è sempre più elevato e la maggior parte dei prodotti che vendiamo può già usare biocarburanti al 100 per cento. Ma non ci basta, per quanto ci è possibile spingiamo la ricerca sempre più verso l'uso di energie "pulite". Tutto ciò non rappresenta soltanto un impegno all’interno del business per l’agricoltura, ma rientra nell’ambito della responsabilità sociale d’impresa che è uno dei nostri valori».

I contenitori per la plastica e la carta sistemati nella sedi modenesi di Cnh«Questo accordo», ha ricordato il direttore generale di Hera Modena Roberto Gasparetto, «rappresenta un passo avanti nel raggiungimento di importanti obiettivi a favore dell’ambiente e della sostenibilità. Con questo progetto nelle sedi modenesi di Cnh stimiamo di recuperare, oltre alle filiere che Cnh già gestiva in maniera selettiva, ulteriori 370 tonnellate di rifiuti all’anno. L’accordo rientra nell’ambito del "Progetto utenze target", promosso da Hera e dal Comune di Modena, grazie al quale, negli ultimi due anni, sono stati avviati specifici programmi di raccolta differenziata nella grande distribuzione in oltre 100 grandi aziende e realtà presenti sul territorio comunale».

(18 maggio 2009)
Argomenti: Enti locali, Terziario