Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il bilancio

Hera: a Modena 155 milioni di euro

On line il Bilancio di Sostenibilità 2011. Martedì 17, sul portale Hera, confronto in chat con i cittadini

La ricaduta economica sul territorio. Oltre 1 miliardo e 650 milioni di ricaduta economica sull’intero territorio servito: è questo un dato importante che emerge dal Bilancio di sostenibilità 2011 del Gruppo Hera. Nel solo 2011, nei 32 comuni serviti dalla struttura operativa di Modena (Sot), la ricaduta economica delle attività di Hera è stata di oltre 155 milioni di euro. Di questi, 62 milioni sono stati destinati ai lavoratori in qualità di stipendi, 17 milioni sono andati ai soci pubblici e privati residenti nel territorio a titolo di utili, 12 milioni sono stati versati agli enti del territorio come imposte, tasse e canoni.

Investimenti Sot di Modena. Un capitolo importante è quello degli investimenti operativi che, nel 2011, sono stati, nei Comuni serviti dalla Sot di Modena, 31,5 milioni di euro, di cui circa il 42 per cento (13,3 milioni) dedicati all’ulteriore sviluppo della qualità del servizio del ciclo idrico integrato. In questo settore Hera nel 2010 si colloca ben sopra la media degli investimenti fatte dalle principali 13 aziende multiutility italiane.

Più sicurezza sul lavoro. L’indice di frequenza degli infortuni si è ridotto per il settimo anno consecutivo (-21 per cento rispetto al 2010). Il numero complessivo di infortuni di Hera è passato dai 252 del 2009 ai 215 del 2010, per attestarsi a 164 nel 2011. L’85 per cento dei lavoratori del Gruppo lavorano in società con certificazione Ohsas 18001.

Servizio di qualità. Sulle circa 230.000 prestazioni erogate da Hera sul territorio di Modena nel 2011 (ad esempio tempi di esecuzione dei lavori e di attivazione delle forniture, rispetto della fascia di puntualità degli appuntamenti) circa il 98,5 per cento hanno rispettato gli standard di qualità. La soddisfazione dei clienti, misurata da un’apposita indagine annuale, ha raggiunto il valore di 69 (su scala da 0 a 100).

La produzione energetica da rinnovabili. Nel 2011 è cresciuto l’impegno di Hera nelle rinnovabili. La produzione di energia (elettrica e termica) da queste fonti ha raggiunto infatti il 30 per cento del totale prodotto da Hera (era il 26 per cento nel 2010) e, considerando anche le fonti assimilate alle rinnovabili, si sale al 73 per cento (1.341 GWh), il 21 per cento in più rispetto al 2010, con l’obiettivo di crescere ancora.

Raccolta differenziata. Nel 2011 la raccolta differenziata ha raggiunto il 53,6 per cento. Significativi in particolare i risultati di Bastiglia, Campogalliano, San Cesario e comprensorio ceramico, che si attestano oltre il 60 per cento. I risultati raggiunti dal Gruppo sull’intero territorio servito confermano l’Emilia-Romagna fra le più avanzate esperienze europee nel campo della gestione del ciclo rifiuti, in cui alte percentuali di recupero di materiale si associano alla pratica del recupero energetico da termovalorizzazione, con il progressivo calo del conferimento in discarica, che infatti nel 2011 è ulteriormente sceso al 23,1 per cento (rispetto al 25 per cento del 2010 e al 30 per cento del 2009).

Responsabilità sociale. Prosegue l’impegno nell’utilizzo di criteri di selezione delle forniture non basati solamente sul prezzo. Tutti i 12 bandi di gara pubblicati nel 2011 sono stati effettuati con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. A Modena, le forniture da cooperative sociali, pari a circa 5,5 milioni di euro, hanno permesso l’inserimento di 158 persone svantaggiate.

Le agevolazioni verso i clienti. Hera ha prorogato di un altro anno le agevolazioni previste fino a giugno 2011 per i clienti disoccupati e cassintegrati. Inoltre nel 2011, per il secondo anno, Hera ha introdotto su base volontaria un bonus a compensazione della spesa per il servizio teleriscaldamento da attribuire con le stesse modalità con cui è attribuita la compensazione della spesa dei servizi gas ed energia elettrica.

Martedì 17 aprile il confronto con i cittadini. Per dare ancora maggiore concretezza a questo dialogo, martedì 17 aprile, dalle 16.30 alle 19, all’indirizzo bs.gruppohera.it sarà aperta una chat in cui il Gruppo Hera si confronterà in tempo reale con cittadini e stakeholder. Chiunque potrà porre domande rispetto ai temi del bilancio e tecnici e dirigenti risponderanno in tempo reale.

(13 aprile 2012)
Argomenti: Rsi, Terziario