Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
confindustria modena

Guida all'etichettatura dei prodotti tessili

L'associazione degli industriali modenesi organizza a Carpi due incontri con gli operatori del settore per approfondire le nuove disposizioni in materia

In Italia, come in tutta l'Unione europea, i prodotti tessili immessi sul mercato devono essere muniti di un'etichetta che ne riporti la composizione secondo indicazioni specifiche. Etichettare un capo tessile è un'operazione assai complessa rispetto alla quale si deve tener conto di molteplici aspetti.

La correttezza delle modalità di etichettatura nonché la veridicità delle informazioni riportate sono oggetto dell'attività di controllo che le norme in materia attribuiscono alla Camera di Commercio.

Inoltre, generalmente, su tutti i prodotti tessili viene applicata un'etichetta di manutenzione nonché un'indicazione di origine del prodotto. In Italia l'etichetta di manutenzione non è disciplinata da alcuna normativa. In ogni caso quando essa viene applicata deve essere corretta e rispondere a verità.

Nei Paesi europei ed extraeuropei questo tipo di etichettatura è invece regolata da singole disposizioni nazionali. Inoltre, la normativa volta a disciplinare il tema del "Made in Italy" relativo al settore tessile, è tutt'altro che univoca e ciò non facilita gli operatori di settore.

Allo scopo di approfondire queste importanti disposizioni e fornire concrete indicazioni agli operatori di settore, Confindustria Modena ha organizzato due incontri che si terranno il 30 marzo e il 6 aprile prossimi, dalla ore 14.30 alle ore 17.00, presso la sede di Carpi (via Peruzzi 6).

Mercoledì 30 marzo 2011 sul tema "L'etichettatura di composizione dei prodotti tessili in Italia e nei principali paesi extra Ue" interverrà Emilio Bonfiglioli di Centro Qualità Tessile Srl, a cui farà seguito il contributo della Camera di Commercio di Modena con Anna Cortese

Mercoledì 6 aprile 2011 su "Le indicazioni di manutenzione del capo di abbigliamento" terrà la sua relazione Vittorio Cianci del laboratorio carpigiano di Analisi e ricerca tessile Lart. "Le origini del prodotto e l'etichettatura del Made in Italy" sarà invece il centro dell'analisi dell'avvocato doganalista Alberto Ghelfi.

La partecipazione è riservata alle imprese associate a Confindustria Modena. Per informazioni rivolgersi all'area Economia e Impresa (economico@confindustriamodena.it - 059448348).

(28 marzo 2011)