Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il progetto

Giustizia più veloce con Sidip

Con l'estensione alla Procura del Sistema informativo dibattimentale penale Sidip, progettato per il Tribunale, si punta al miglioramento del settore penale, sia nella fase di indagine che in quella dibattimentale

La gestione digitalizzata dei fascicoli relativi a procedimenti penali in fase di indagini preliminari e la creazione di un archivio informatico diventano realtà anche per gli uffici della Procura della Repubblica di Modena.

L'estensione alla Procura del Sistema informativo dibattimentale penale Sidip, progettato per il Tribunale, è stata ufficializzata presso la Sala Panini della Camera di Commercio.

L'iniziativa permetterà, mediante la digitalizzazione dei fascicoli e la conseguente informatizzazione dei relativi percorsi di accesso, una maggiore razionalizzazione delle attività e un miglioramento dell'efficienza del settore penale, sia nella fase di indagine che in quella dibattimentale.

L'evento è stato introdotto dal vicepresidente della Camera di Commercio Amedeo Faenza, al quale sono seguiti gli interventi del sindaco di Modena Giorgio Pighi, del procuratore della Repubblica Vito Zincani, del presidente del Tribunale Mario Lugli, del direttore generale della Regione Emilia-Romagna Lorenzo Broccoli, del vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena Mauro Giusti, del sostituto procuratore della Repubblica Fausto Casari, del presidente della sezione penale del Tribunale Flavio De Santis, della responsabile dell'area penale Dgsia Alessandra Clemente e infine del direttore generale dei Sistemi informativi automatizzati Stefano Aprile.

Gli aspetti tecnici sono stati illustrati da Stefano Macchi, della Project Automation, dalle cui parole è emerso come la gestione informatizzata dei fascicoli modificherà il lavoro interno degli addetti e consentirà una più facile e rapida consultazione per gli utenti esterni, oltre che un alleggerimento del lavoro della segreteria.

Vito Zincani ha ringraziato tutti i partecipanti sottolineando l'importanza del progetto in una logica di semplificazione e accelerazione delle procedure e dei rapporti tra la Procura e cittadini, professionisti e imprese.

(19 luglio 2010)