Confindustria Modena
Opinioni
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il sindaco

Giorgio Pighi: «L'occupazione al centro della nostra agenda politica»

Il pericolo numero uno per il sindaco è la cessazione degli ammortizzatori sociali. «Se non vengono prorogati ne risentirà la coesione sociale dell'intero territorio»

Il sindaco di Modena Giorgio PighiOccupazione. Il 2011 sarà un anno caldo sul versante dell'occupazione. Lo conferma anche il sindaco di Modena nella consueta conferenza stampa di fine anno con i giornalisti, organizzata dall'Associazione stampa modenese nelle sale storiche del Municipio. «Il problema maggiore», chiosa il sindaco di Modena, «sarà capire se ci sono risorse sufficienti per prorogare o attivare daccapo gli ammortizzatori sociali. E su questo il governo non può continuare a tergiversare, deve darci delle risposte».

Stati generali. La crisi ha cambiato il corso dei lavori sugli Stati generali del Comune di Modena, ne ha mutato tempi e obiettivi. Ciò nonostante il sindaco rimane convinto che con gli Stati generali, «questa città dovrà partorire un nuovo modello di crescita e sviluppo».

Sicurezza. Sul macrotema della sicurezza urbana il primo cittadino taglia corto: «L'idea dei cosiddetti sindaci-sceriffo non mi convince. La siurezza è una questione troppo seria per essere liquidata con ronde e liberi cittadini in servizio volontario nelle zone più degradate della nostra città».

E sull'ultima polemica scoppiata tra Polizia municipale e amministrazione comunale, in merito al servizio notturno fino alle 3 di mattina e alla videosorveglianza di 24 ore al Comando di via Galilei, Pighi si dice convinto di un positivo epilogo. «Davanti al Prefetto incontreremo i rappresentanti di tutte le sigle sindacali e cercheremo in ogni modo di trovare la soluzione».

Cultura. Modena non è Roma e nemmeno Milano in termini di attività editoriali ma l'idea di poter riunire in un'unica grossa concentrazione le piccole case editrici di cui è disseminata la nostra città stuzzica parecchio Giorgio Pighi. «Modena si caratterizza per il gran numero di piccoli editori. Mettendoli in rete si potrebbe pensare anche qui di costituire un'eccellenza culturale che possa dire la sua in campo editoriale».

Il sindaco ha poi speso alcune parole anche per la Casa natale Enzo Ferrari: «Siamo in dirittura d'arrivo. Abbiamo già preso contatti con la Ferrari per individuare la migliore modalità gestionale della struttura. Nei prossimi giorni il presidente Luca Cordero di Montezemolo verrà a visitare il cantiere del museo».

(20 dicembre 2010)
Argomenti: Enti locali