Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
l'intervista

Giorgio Cariani: «Collaboriamo di più con le imprese»

Per il presidente del Collegio notarile di Modena è il momento di aprire una nuova stagione di rapporti con le aziende del territorio

Notaio Cariani, come si concilia la sempre più pressante esigenza di sburocratizzazione delle imprese con un mercato sicuro e trasparente? Che cosa si deve fare perchè la cosiddetta "semplificazione" non diventi l'anticamera dell'assenza di regole?
L'attuazione del Registro delle imprese, che ha sostituito le cancellerie del Tribunale, e l'attribuzione al notaio del controllo della legalità degli atti societari, in luogo dell'omologazione del giudice, hanno determinato un eccellente esempio di semplificazione e sburocratizzazione senza rischi per la sicurezza del sistema e senza incremento di costi. Oggi è possibile costituire e iscrivere una società di capitali in un arco temporale che va da uno a tre giorni e, in generale, i tempi necessari al perfezionamento degli atti societari sono in linea con quelli dei Paesi nei quali la variabile sicurezza pone problemi. Il costo della prestazione del notaio, che non è da confondere con i costi fiscali, è di 1.102 euro per la costituzione di una Srl con capitale di 10.000 euro e di 658 euro per un verbale di assemblea di modificazione dell'atto costitutivo. È importante sottolineare che, salvo problematiche di eccezionale rilevanza, i compensi citati riguardano anche l'attività di consulenza che il notaio è tenuto a dare. Ma si può fare ancora molto per semplificare la vita dell'impresa, sopratutto operando sulle relazioni fra i diversi professionisti coinvolti nelle vicende societarie.

La Piccola Industria di Confindustria e il Consiglio nazionale del notariato hanno siglato un protocollo d'intesa che di fatto sancisce un'alleanza strategica tra notai e imprenditori delle pmi. Che cosa occorre perchè l'accordo man mano che arrivi sul territorio mantenga tutto il suo significato e valore?
Il protocollo siglato il 15 ottobre 2009 segna un importante mutamento di rotta nelle relazioni fra il notariato e il mondo industriale e gli ambiti nei quali collaborare sono tanti. Si va dall'istituzione di contatti diretti fra notai e imprese per offrire consulenza gratuita nella fase di orientamento delle scelte dell'imprenditore, all'esplorazione dei bisogni delle aziende ai quali il notaio deve adeguare i suoi strumenti culturali. È però chiaro che questa intesa potrà avere successo solo se terrà conto di tutte le risorse che possono essere offerte non solo da notai e industriali, ma anche dalle altre professioni giuridico-economiche con conoscenze di base affini a quelle del notaio.

Come può il notariato modenese aiutare concretamente il sistema imprenditoriale della nostra provincia?
I notai di Modena intendono mutare il proprio modo di essere, sostanzialmente chiuso nei propri studi e tutto concentrato sugli aspetti tecnici della professione, per aprirsi alla valorizzazione delle relazioni esterne, per seguire, come recita lo slogan dell'ultimo nostro congresso, alla "società che cambia". Il Collegio dei notai ha già istituito da due anni, presso la propria sede, giornate di consulenza gratuita rivolte alle famiglie, per aiutare a risolvere problemi legati alla casa, alle successioni, alla sistemazione dei rapporti familiari. Come è stato disponibile nei confronti delle famiglie lo sarà anche nei confronti delle imprese, andando, se richiesto, nelle sedi delle loro associazioni. I rapporti con il locale Registro delle imprese sono eccellenti. I problemi sui quali non si è trovata unità di vedute sono stati oggetto di approfondimento e di positivo confronto. L'aggiornamento professionale, nel quale siamo molto impegnati, può essere orientato ad affrontare problemi specifici delle imprese modenesi. In sostanza ritengo che il notariato di Modena possa aiutare il sistema imprenditoriale condividendone i problemi e collaborando, secondo le proprie competenze, alla soluzione. Mai come ora sentiamo che i problemi delle imprese sono anche problemi nostri.

(16 novembre 2009)
Argomenti: Terziario