Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
la nomina

Gaetano Maccaferri nuovo presidente di Confindustria Emilia-Romagna

Dopo sei anni e due mandati consecutivi Anna Maria Artoni lascia la guida dell'associazione di via Barberia

Gaetano Maccaferri e Anna Maria Artoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 


«I migliori auguri al mio successore. Sono certa che in un momento così difficile saprà dare voce e forza alle imprese. Avrà un percorso non in discesa ma sarà in grado di fare un ottimo lavoro». È con queste parole che Anna Maria Artoni ha salutato il neopresidente di Confindustria Emilia-Romagna Gaetano Maccaferri.

«La responsabilità che mi avete affidato», è stata la risposta di Maccaferri, «non è da poco. Rappresentare tutta l’industria dell’Emilia-Romagna significa rappresentare una delle principali aree manifatturiere d’Europa e una delle protagoniste dell’economia globale. Oggi l’Emilia-Romagna occupa una posizione di leadership economica e produttiva che noi imprenditori dobbiamo mantenere e valorizzare».

«Noi imprenditori non vogliamo mollare», ha assicurato, «sebbene la crisi è stata forte e selettiva, anche se il nostro sistema industriale ne uscirà profondamente cambiato, vogliamo continuare a far crescere le nostre imprese. Conosciamo i nostri punti di forza ma siamo anche consapevoli dei punti di debolezza: abbiamo chiare le sfide e i rischi ma anche le grandi opportunità che il futuro può presentare». Pertanto, ha ammonito, «è lì che dobbiamo concentrare i nostri sforzi, cercando alleanze e sinergie, superando corporativismi e veti, lavorando insieme alle istituzioni, alla pubblica amministrazione, alle altre organizzazioni d'impresa, al sistema del credito, al sindacato e a tutto il sistema dell'educazione e della ricerca. Al Governo regionale e alle forze politiche proponiamo un confronto caratterizzato da lealtà, trasparenza e realismo, autonomia delle nostre posizioni, idee, progetti e proposte concrete».

Chi è Gaetano Maccaferri
Gaetano Maccaferri, bolognese di nascita, è laureato in Architettura presso l'Università di Firenze. Per dieci anni ha esercitato la libera professione  nel settore dell'urbanistica e dell'edilizia pubblica e privata. Conclusa la positiva esperienza professionale si è dedicato completamente alle attività industriali di famiglia. Oggi Gaetano, insieme ai fratelli Massimo, Alessandro e Antonio, rappresenta la terza generazione della proprietà del Gruppo.

È presidente di Seci SpA, holding del gruppo industriale Maccaferri, all'interno del quale presiede anche Seci Real Estate, la società del gruppo che opera nel settore immobiliare, Seci Energia, la sub-holding creata per sviluppare iniziative nel campo della produzione di energia da fonti rinnovabili e Enerray, società specializzata nella progettazione, realizzazione e gestione di sistemi fotovoltaici di medie e grandi dimensioni. Inoltre, in seguito all'acquisizione delle Manifatture Sigaro Toscano, avvenuta nel luglio 2006, ha assunto la carica di vicepresidente della Società.

Gaetano Maccaferri è stato presidente di Unindustria di Bologna e da maggio 2008 è membro del Consiglio direttivo di Confindustria. Il 2 giugno 2011 è stato nominato Cavaliere del Lavoro dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Da sempre è impegnato con grande interesse e passione nella cultura: dall'opera lirica all'arte contemporanea. È membro dell’Executive Committee della Peggy Guggenheim Collection. È stato membro del consiglio d'amministrazione della Fondazione Teatro Comunale di Bologna e del consiglio del collegio superiore dell'Università di Bologna. Nel tempo libero è un appassionato velista e golfista.

(17 giugno 2011)
Argomenti: Confindustria